19:19 07 Aprile 2020
Politica
URL abbreviato
8121
Seguici su

In un'intervista al TG La7 il segretario dem chiude la campagna elettorale per le regionali in Calabria ed Emilia Romagna.

Per il segretario del PD, Nicola Zingaretti, una crisi dell'attuale esecutivo dovuta ad un'eventuale sconfitta nelle elezioni regionali in Calabria ed Emilia-Romagna è un'ipotesi assolutamente da escludersi a priori.

"Nessuno deve sognarsi una crisi di governo per due regioni", ha dichiarato il governatore del Lazio in un'intervista al Tg de La7.

Stando alle parole di Zingaretti, l'attuale maggioranza giallorossa "vive sulla capacità di fare le cose" e "i risultati" sono visibili agli occhi di tutti, sebbene in futuro il PD cercherà di essere "ancora più esigente" con il governo.

Il segretario dem ha poi lanciato un appello "a tutti gli uomini e le donne che magari sostengono altri partiti" e "alle forze moderate" di "votare Pippo Callipo" al fine di "evitare l'invasione della Calabria della peggiore destra".

Salvini? E' il leader più estremista dal dopoguerra

Il leader del centrosinistra, in chiusura di campagna elettorale, non le manda a dire al suo principale antagonista, Matteo Salvini, definito il "leader più estremista di destra del dopoguerra in questo nostro Paese":

"Salvini è il miglior politico italiano a raccontare le paure degli italiani ma è il peggiore a risolvere i problemi degli italiani. Bisogna combattere l'odio che diffonde Salvini. A chi vi chiede qual è la differenza tra noi e loro, rispondete che lo scontro è tra chi risolve i problemi degli italiani e la demagogia e le urla di chi quei problemi li cavalca creando paure".

Non mancano poi i riferimenti al recente episodio della citofonata del leader leghista a Bologna:

"Abbiamo dovuto vedere la scena immonda di un leader politico che va al citofono di un ragazzo, uno studente a chiedergli se spaccia droga".

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook