08:51 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
La conferenza sulla Libia a Berlino (30)
120
Seguici su

Il Cremlino ha un giudizio positivo della Conferenza di Berlino sulla Libia: un passo importante è stato fatto verso un accordo, ora il lavoro andrà avanti sotto l'egida delle Nazioni Unite. Lo ha detto il portavoce di Putin Dmitry Peskov.

"Si valuta positivamente. È stato compiuto un passo molto importante verso un eventuale accordo. Ora, basandosi su questo primo passo importante, si andrà avanti sotto l'egida delle Nazioni Unite", ha detto Peskov ai giornalisti rispondendo alla domanda su come il Cremlino abbia giudicato i risultati della Conferenza di Berlino.

Il portavoce del Cremlino ha aggiunto che nell'agenda di questa settimana del presidente russo Vladimir Putin non è segnato alcun incontro con il comandante dell'Esercito Nazionale Libico Khalifa Haftar.

"Non c'è ancora, nei prossimi giorni manca chiarezza su questo incontro. Dopo che ci saranno certezze, lo comunicheremo. Questa settimana il presidente Putin non ha intenzione di incontrare Haftar", ha detto Peskov ai giornalisti, rispondendo alla domanda su quando ci sarà la visita di Haftar in Russia, dopo che aveva accettato l'invito di Putin a proseguire il dialogo sulla Libia.

Nella giornata di ieri la capitale tedesca ha ospitato la Conferenza internazionale sulla Libia con la partecipazione di Russia, Stati Uniti, Turchia, Egitto ed altri Paesi, nonché Ue e Nazioni Unite. Fayez al-Sarraj, premier del governo di unità nazionale e Khalifa Haftar, comandante dell'Esercito Nazionale Libico, erano presenti al vertice, anche se durante i lavori non si sono mai incontrati.

Secondo Angela Merkel, la conferenza ha avuto successo ed i partecipanti hanno concordato la risoluzione della crisi con mezzi politico-diplomatici, il rifiuto dell'ingerenza esterna e l'embargo alle forniture di armi alle parti in conflitto.

Tema:
La conferenza sulla Libia a Berlino (30)
Tags:
Politica Internazionale, Cremlino, Russia, crisi in Libia, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook