23:22 25 Febbraio 2020
Politica
URL abbreviato
Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad (85)
209
Seguici su

Emmanuel Macron, Angela Merkel e Boris Johnson continuano ad impegnarsi a mantenere il piano d'azione globale congiunto e sollecitano l'Iran a cancellare tutte le misure contrarie agli accordi di Vienna, si afferma in una loro dichiarazione.

"Restiamo impegnati in relazione al piano d'azione globale congiunto e alla sua conservazione; esortiamo l'Iran ad abolire tutte le misure incompatibili con l'accordo", si afferma in una dichiarazione congiunta dei leader dei tre Paesi, diffusa dall'ufficio stampa dell'Eliseo.

I leader europei chiedono inoltre all'Iran di astenersi da ulteriori disimpegni e rilevano che sono ancora pronti ad avviare un dialogo con Teheran per mantenere la stabilità nella regione.

Russia ribadisce sostegno ad accordo nucleare con Iran

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato di aver discusso con la cancelliera tedesca Angela Merkel la situazione relativa all'accordo nucleare iraniano: Russia e Germania sostengono con forza la successiva implementazione del piano d'azione globale congiunto.

L'appello di Trump

In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, nel messaggio rivolto alla nazione, ha annunciato delle sanzioni aggiuntive contro Teheran, per i raid missilistici contro le basi Usa in Iraq, in ritorsione per l'uccisione del generale Qasem Soleimani. Le misure, ha detto saranno adottate immediatamente. 

Si è poi rivolto a Francia, Russia, Gran Bretagna, Cina e Germania, chiedendo di uscire dall'accordo nucleare firmato nel 2015 in quanto, secondo Trump, l'accordo sarebbe servito soltanto a far arrivare all'Iran "150 milioni di dollari, per non menzionare 1.8 milioni di dollari in contante", con cui avrebbe poi finanziato il terrorismo nella regione. 

Tema:
Le tensioni tra Usa e Iran dopo l'omicidio del generale Soleimani a Baghdad (85)
Tags:
Germania, Francia, Regno Unito, Occidente, Iran, Accordo nucleare
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook