05:10 04 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
476
Seguici su

Numerosi poster sono comparsi misteriosamente per le vie della città di Torino: sui manifesti è raffigurato Matteo Salvini con la faccia da cinghiale e una maglia della polizia addosso, insieme al motto propagandistico "Prima i cinghiali".

Un nuovo caso di manifesti anti-Salvini a Torino: i poster, comparsi in tutta la città, raffigurano un Matteo Salvini con indosso una maglia della polizia, la faccia da cinghiale e la scritta propagandistica "Prima i cinghiali". A completare l'opera anche un nome alternativo a quello del partito di appartenenza di Salvini, "Sega Suini Premier", con tanto di simbolo a lato del poster.

A denunciare la presenza dei suddetti manifesti è stato, attraverso un tweet, lo stesso leader della Lega, che ha espresso la sua opinione con un post definendo gli insulti degli autori dei poster come medaglie.

​Anche il segretario della Lega di Torino Fabrizio Ricca si è espresso sui manifesti dichiarando questi gesti di sfida sono occasioni per fare di più e insistere:

"Per certa sinistra la sola idea di indossare una felpa con cui ringraziare le nostre forze dell'ordine è un motivo di biasimo, di presa in giro, di insulto. Per noi no! Siamo fieri della polizia italiana. E lo stesso vale per il rosario. Chi crede di insultare Matteo Salvini e le forze dell'ordine con simili manifesti non fa altro che convincerci del fatto che siamo dalla parte della ragione. Essere dalla parte Forze dell'Ordine, che ogni giorno difendono i cittadini rischiando di persona, per noi è un vanto".

Tuttavia non si tratta del primo caso in cui, nella città di Torino, compaiono manifesti o scritte contro il leader della Lega: a fine novembre del 2018 la frase "Salvini appeso" venne scritta sulla facciata di un edificio in via Accademia Albertina, nel centro storico della città, ed a settembre dello stesso anno comparve un disegno che raffigurava l'allora ministro degli interni legato a testa in giù. Al tempo il leader della Lega rispose con un tweet definendo gli autori del gesto come vincitori del "premio democratico del giorno".

Tags:
Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook