19:49 30 Marzo 2020
Politica
URL abbreviato
695
Seguici su

Dopo il vertice tra i ministri degli Esteri di UE, Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna l'Alto rappresentante dell'UE Josep Borrell ha riferito che i paesi esortano le parti del conflitto a fermare immediatamente l’escalation di violenza, nonchè l’interferenza esterna da parte della Turchia.

"Abbiamo concordato una dichiarazione congiunta... Chiediamo la fine immediata di ogni ulteriore escalation di violenza, nonché delle interferenze esterne, che sono aumentate negli ultimi giorni", ha detto ai giornalisti.

“Quando parlo delle crescenti interferenze esterne, intendo l’ingerenza da parte della Turchia”, ha dichiarato Borrell.

"Sappiamo che la situazione si sta deteriorando giorno dopo giorno e l'unica soluzione per la Libia è il dialogo politico tra le parti, non esiste una soluzione militare", ha aggiunto il capo della diplomazia europea.

Guerra in Libia

Al momento in Libia sono presenti due diversi esecutivi: il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Faez al-Sarraj, sostenuto dall’ONU e dall’UE a Tripoli, ed il governo di Abdullah al-Thani, sostenuto dall’Esercito Nazionale Libico (LNA), comandato dal maresciallo Khalifa Haftar.

Il 4 aprile, il maresciallo Khalifa Haftar ha ordinato alle sue forze di lanciare un’offensiva contro la capitale per "liberarla dai terroristi". Le unità armate fedeli al governo di Tripoli hanno annunciato l'inizio dell'operazione di risposta "Vulcano di rabbia". Secondo l'OMS, il bilancio delle vittime negli scontri ha superato le 450 persone, mentre sono più di 2100 i feriti.

La tappa finale dell’offensiva di Haftar su Tripoli

Lo scorso 12 dicembre il maresciallo Khalifa Haftar che coopera con il governo dell’Est della Libia ha annunciato la tappa finale dell’offensiva su Tripoli. Finora l'Esercito Nazionale Libico non ha ottenuto successi significativi: le parti rimangono sulle loro posizioni, ricorrendo ai tiri d’artiglieria e bombardamenti aerei.

Questione dell’invio di truppe turche in Libia

Dopo l’annuncio di Haftar riguardo alla tappa finale nell’offensiva su Tripoli il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è detto pronto a “fornire tutto il sostegno necessario ad al Serraj”. Pochi giorni dopo il governo di Tripoli ha formalmente chiesto supporto militare ad Ankara per contrastare l’Esercito Nazionale Libico (LNA). Si tratta di supporto militare "aereo, terrestre e marittimo" per respingere l’offensiva sulla capitale libica. Lo scorso 2 gennaio il parlamento turco ha approvato il piano per inviare truppe a sostegno del governo di Tripoli contro le forze di maresciallo Khalifa Haftar.

Tags:
Turchia, Libia, crisi in Libia, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook