16:40 28 Marzo 2020
Politica
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Il Congresso dei deputati del Parlamento spagnolo, al secondo turno, ha approvato la nomina del leader del PSOE, Pedro Sanchez, che assumerà ora la carica di primo ministro.

Pedro Sánchez, leader del Partito Partito socialista operaio spagnolo (PSOE), ha ottenuto la maggioranza dei voti del Congresso dei deputati del Parlamento e potrà ora avere accesso alla carica di primo ministro del Paese.

La vittoria di Sánchez è risultata molto risicata, con 167 voti a favore, 165 contrari e 18 astensioni.

"Dopo aver riscontrato il voto favorevole della maggioranza semplice dei membri del Congresso, è concessa la fiducia al candidato Pedro Sánchez Pérez-Castejón, il quale dovrà riferire davanti a sua maestà il Re per ricevere la nomina di presidente del governo", ha dichiarato la presidente del Congresso, Meritxell Batet, al termine della votazione.

L'esito delle consultazioni parlamentari è stato ovviamente salutato positivamente dal partito dello stesso Sánchez, il PSOE, che ha espresso il proprio entusiasmo con un post su Twitter.

"Oggi 167 coraggiosi hanno votato sì, hanno votato per Pedro Sánchez presidente. Cominciano quattro anni di una coalizione progressista con degli obiettivi chiari: la giustizia sociale, la libertà, la coesione territoriale", si legge nel tweet.

Appena due giorni fa la candidatura di Sánchez era stata respinta dal Parlamento, dove il leader socialista non aveva ottenuto la maggioranza assoluta richiesta per passare al primo turno.

​Le elezioni di novembre e l'impasse politica spagnola

Alle recenti elezioni anticipate di novembre, il PSOE (120 seggi) si è presentato da solo ma ha avuto bisogno di stringere un accordo post-elettorale di coalizione con la sinistra di Unidos Podemos (35 seggi) e con diversi altri partiti minori per potersi garantire una maggioranza, ancorché risicata. 

Il governo presieduto da Sánchez  sarà ora chiamato a mettere fine a oltre quattro anni di impasse politica in Spagna.

Nel 2015, infatti, l'allora premier Mariano Rajoy, del Partito popolare, perse la maggioranza ottenuta alle elezioni del 2011 venendo spodestato da Sánchez , che si impose con un voto di fiducia nel 2018, salvo poi trovarsi nella complicata situazione di dover gestire un governo di minoranza.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook