17:44 12 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
151
Seguici su

Il Ministro degli Esteri Di Maio in un video postato sulla sua pagina Facebook, ha annunciato le novità per questo 2020: in primis la norma sulle concessioni autostradali nel milleproroghe.

Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio approfitta di una diretta Facebook di inizio anno per fare gli auguri ai cittadini e per dare qualche aggiornamento sulle situazioni pendenti in Italia: tra queste le concessioni autostradali a Benetton, la legge sulla prescrizione e alcuni chiarimenti sull'ex-ministro Fioramonti.

"Nel milleproproghe abbiamo inserito la norma sulle concessioni autostradali. Questo decreto dice finalmente che si avvia un percorso per alcune infrastrutture che ci permette di revocare le concessioni ai Benetton. [...] Tutti si sono scandalizzati perché è crollato il titolo di Atlantia, ma chi si è scandalizzato non lo ha fatto quando è crollato il Ponte Morandi. [...] La retorica che si perdono i posti di lavoro è una sciocchezza. Si perdono i profitti dei Benetton ed è giusto, perché non hanno fatto quanto dovuto per mantenere quel ponte. Bisogna riprenderci quella gestione e poi i dipendenti verranno chiaramente impiegati", ha dichiarato nel video Luigi Di Maio.

Entrata in vigore della legge sulla prescrizione

"Il primo gennaio del 2020 è un giorno già importante perché entra in vigore la legge sulla prescrizione. Prima si perdeva tempo e si riusciva a farla franca, ora se vieni condannato in primo grado la prescrizione non esiste più, devi arrivare a sentenza" comunica soddisfatto il Ministro degli Esteri, augurandosi di poter, nell'anno in corso, approvare anche la legge per diminuire i tempi dei processi.

Secondo la riforma, contenuta nel ddl Anticorruzione approvato lo scorso anno e meglio noto come 'Spazzacorrotti', la prescrizione termina di decorrere a partire dal primo grado di giudizio, senza fare alcuna distinzione, però, tra sentenza di condanna e sentenza di assoluzione. Dunque, tutto "congelato" fino alla data di esecutività della sentenza che definisce il giudizio o alla data di irrevocabilità del decreto penale.

La regola è rimanere compatti

"È successo, non so se succederà in futuro. Ma in passato è successo che qualcuno entrava con la casacca del Movimento e poi andava al gruppo Misto dicendo che c'è un problema di verticismo in M5S. Alcuni sono quelli che venivano a chiedermi una carica non la ottenevano e poi se ne andavano al Misto", osserva Di Maio nella diretta Facebook, facendo riferimento a casi come quello dell'ex ministro Lorenzo Fioramonti.

 

Tags:
Luigi Di Maio
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook