14:13 24 Gennaio 2020
Politica
URL abbreviato
2110
Seguici su

Washington e Teheran si sono accordati su scambio di prigionieri. Le parti hanno confermato che i detenuti tornano a casa oggi.

Gli USA rilasciano lo scienziato iraniano Massoud Soleimani, che era stato fermato dagli agenti dell’FBI senza atto d’accusa nello stato di Minnesota nell’ottobre del 2018. A sua volta l’Iran consenga agli USA lo studente cinese-americano Xiyue Wang, arrestato con sospetto di spionaggio nel 2016.

“Sono lieto che il professore Massoud Soleimani e Xiyue Wang fra poco si uniranno alle loro famiglie”, ha commentato lo scambio il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif mediante Twitter.

“Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato nella procedura, in particolare il governo della Svizzera”, ha aggiunto.

Zarif ha allegato ai messaggi su Twitter le fotografie con Soleimani davanti all’aereo con i simboli ufficiali della Repubblica Islamica dell'Iran, nonchè sull'aereo stesso. "Sulla strada per casa", si legge nel post con le fotografie. Zarif non ha specificato dove sono state scattate le foto.

Anche Washington ha confermato il fatto dello scambio.

"Un altro americano sta tornando a casa. Xiyue Wang ,che è stato trattenuto con false accuse in Iran per tre anni, è stato rilasciato e sta tornando negli Stati Uniti. Presto Wang si riunirà a sua moglie e suo figlio, che gli mancavano così tanto", ha scritto nel suo Twitter il segretario di stato americano Mike Pompeo.

"Non saremo calmi finché non faremo tornare a casa dai loro cari ogni americano detenuto in Iran o in qualsiasi altro paese del mondo. Ringraziamo il governo svizzero per aver contribuito a restituire Wang e siamo soddisfatti del fatto che il governo iraniano abbia preso una posizione costruttiva su questo problema", ha aggiunto Pompeo.

Teheran e Washington non hanno relazioni diplomatiche dal 1979 quando nell’Iran avvenne la Rivoluzione islamica. Le comunicazioni tra i due paesi vengono attuate con l’intermediazione del governo elvetico.

Tags:
Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik