11:37 29 Gennaio 2020
Politica
URL abbreviato
0 09
Seguici su

Bonus Tari per le famiglie disagiate, taglio della "tampon tax", 730 rinviato a settembre, nuove misure per gli appalti, stop multe ai commercianti senza Pos e novità su RC auto: ecco cosa cambia con il nuovo decreto fiscale.

Approvata alla Camera la fiducia sul decreto fiscale con 310 voti favorevoli, 199 contrari e nessun astenuto. Oggi l'Aula passerà al vaglio i punti dell'odg, mentre nel pomeriggio è previsto il voto finale. Poi il decreto passerà al Senato. La manovra dovrà essere approvata entro il 25 dicembre. 

Rispetto alla stesura iniziale, il provvedimento è stato arricchito da una serie di interventi a sostegno delle imprese e delle famiglie, come i Pir (Piani individuali di risparmi, per i piccoli imprenditori) e le agevolazioni per le famiglie, come la nuova RC auto. Il decreto prevede anche un prestito di 400 mln di euro ad Alitalia, per garantire la continuità aziendale. Ecco quali sono le novità inserite nel decreto. 

  • Rc auto famigliare: dal prossimo rinnovo, le famiglie a basso Isee potranno beneficiare della tariffa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà.
  • Bonus Tari per famiglie disagiate: le famiglie a basso Isee potranno accedere a condizioni tariffarie agevolate per la fornitura del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani. Sarà competenza dell'Arera (Autorità di regolazione per l'energia reti e ambiente) definire le modalità attuative stabilendo una convenzione con l'Anci.
  • Seggiolini antiabbandono: ok a moratoria entro il 6 marzo 2020 per le famiglie che non hanno ancora provveduto a dotarsi dei dispositivi salva-bimbo in auto. Lo stanziamento avverrà sotto forma di credito d'imposta. L'obbligo è previsto sino ai 4 anni d'età del minore.
  • Appalti: Meno obblighi per il committente, che dovrà  versare tutte le ritenute fiscali, operate dall’impresa appaltatrice o affidataria e dalle imprese subappaltatrici, solo per commesse superiori a 200.000 euro. Resta l'impossibilità di compensazione con eventuali crediti con lo stato. Le imprese ad alto impiego interessate dall’obbligo di attestazione dovranno certificare il versamento attraverso il modello F24. Esentate dall'obbligo le imprese con pendenze inferiori a 50.000 euro e in regola da almeno tre anni con gli obblighi dichiarativi. 
  • Proroga del 730: i contribuenti con sostituto di imposta potranno presentare il modello 730 entro il 30 settembre. Non è invece passato l'ampliamento della platea di contribuenti che potranno utilizzare tale modello. 
  • Tampon Tax: taglio dell'Iva dal 22% al 5% per tamponi e assorbenti compostabili o lavabili e per le coppette mestruali. Il governo si impegna inoltre a rimodulare l'Iva sugli altri prodotti relativi all'igiene femminile.
  • Carcere agli evasori: attenuate le pene detentive in assenza di condotte fraudolente, per dichiarazione infedele o omessa. Resta invece immutata la pena massima di 8 anni per dichiarazione fraudolenta, così come la punibilità per omesso versamento di ritenute e Iva (da 150.000 e 250.000 euro). Limitata l’applicabilità di confisca per gli evasori
  • Indennità ai sindaci: passa da 1.290 a 1.450 lordi l'indennità minima per i sindaci dei comuni con meno di 3 mila abitanti.
  • Iva auto e autoscuole: diminuisce al 4% l'Iva per auto ibride o elettriche destinate a disabili mentre verrà imposta l'Iva al 22% sui corsi di scuola guida, in maniera non retroattiva.
  • Stop a multe commercianti senza Pos: non saranno più soggetti a sanzioni in commercianti al dettaglio non muniti di Pos per i pagamenti con carte di credito/debito. 
  • 460 milioni per investimenti ferroviari: predisposti fondi per investimenti su tutto il territorio e per la progressiva sostituzione entro il 2026 sei treni con toilette a scarico. 
  • 180 milioni per Polizia e Vigili del Fuoco per pagare gli straordinari non ancora liquidati, precedenti al 2019.
  • Lotteria scontrini: rinviata dal 1° gennaio al 1° luglio la lotteria per gli scontrini, per dare il tempo ai commercianti di adeguarsi alle nuove norme. 
Tags:
legge di stabilità, decreto legge, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik