20:52 25 Gennaio 2020
Politica
URL abbreviato
105
Seguici su

La ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi, coinvolta nell'inchiesta "mensa dei poveri", si è vista revocare l'ordinanza di arresti domiciliari eseguita il 14 novembre scorso.

"Ero certo che cinque ore di interrogatorio e due ore di discussione al Riesame avessero lasciato il segno", sono state le parole trionfanti pronunciate da Gian Piero Biancolella, legale dell'ex eurodeputata di Forza Italia Lara Comi, dopo che il Tribunale del Riesame ha disposto la liberazione di quest'ultima dagli arresti domiciliari.

Anche la Comi, dopo aver ricevuto la notifica del provvedimento, si è detta estremamente sollevata per la decisione dei giudici.

"Sono molto felice e ora sono più che mai determinata a far emergere la mia innocenza", ha detto la Comi al suo legale.

Una notizia che "rasserena" anche i genitori della 36enne politica milanese che, come spiegato dallo stesso avvocato Biancolella, in questo momento stanno patendo alcuni problemi di salute.

L'arresto di Lara Comi

Contro Lara Comi era stata disposta una misura cautelare nell'ambito della maxi-indagine "Mensa dei Poveri", condotta dalla Guardia di Finanza.

Le ipotesi di reato avanzate contro l'ex eurodeputata di Forza Italia, arrestata insieme all'ad dei supermercati Tigros Paolo Orrigoni e al dg di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale, sarebbero quelle di corruzione, truffa ai danni del Parlamento europeo, e altri due capi di imputazione che riguardano il finanziamento illecito e delle fatture false del valore complessivo di 31mila euro emesse per finta consulenza.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik