03:41 16 Dicembre 2019
Matteo Salvini interviene durante la tradizionale riunione della Lega a Pontida, Italia

Firenze, contestati sindaco e assessore di Massa

© AP Photo / Luca Bruno
Politica
URL abbreviato
212
Seguici su

Il sindaco e l'assessore di Massa denunciano un'aggressione subita da un gruppo di antagonisti, mentre si recavano a una iniziativa della Lega nella capitale toscana.

Raccontano di essere stati accerchiati da un gruppo di antagonisti e poi aggrediti con insulti, il sindaco di Massa, Francesco Persiani e il suo assessore Veronica Revagli che, con le rispettive famiglie andavano a una iniziativa organizzata dalla Lega. 

«Avevamo parcheggiato in via Aretina per andare alla cena - ha spiegato Ravagli -, quando un gruppo di persone, una quarantina, che non stavano manifestando, hanno iniziato a insultarci e poi ci hanno circondato con fare minaccioso. Vicino non c'erano forze dell'ordine ed è arrivata solo una vigilessa».

«Ci hanno circondato minacciandoci che ci avrebbero picchiato - ha detto Persiani -. Ci siamo impauriti perché eravamo soli. Un esposto sicuramente lo faremo».

L'assessore denuncia di essere stata buttata a terra. «Ho preso il telefono e iniziato a girare un video - racconta -A quel punto mi hanno strappato il telefono gettandolo via e sono stata spinta a terra. Nel frattempo hanno sputato in faccia al sindaco e a mio marito». 

La condanna di Salvini

Matteo Salvini, a margine di una cena elettorale, ha condannato l'accaduto davanti alla stampa. «Le manifestazioni pacifiche a me piacciono, non quelle dei delinquenti e dei violenti che hanno aggredito il sindaco di Massa e un assessore con le loro famiglie. Mi piacerebbe che qualcuno denunciasse che non è possibile avere 200 poliziotti e carabinieri per fare una cena».

Tags:
Matteo Salvini, Lega, Italia, Firenze
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik