04:17 08 Dicembre 2019
Joshua Wong

Ambasciata cinese contro politici italiani per videoconferenza con Wong: è bufera

© REUTERS / Tyrone Siu
Politica
URL abbreviato
1282
Seguici su

La videoconferenza avvenuta tra il leader delle proteste di Hong Kong e Fdi insieme a Partito Radicale ha causato una forte critica da parte dell'ambasciata cinese a Roma, che ha risposto accusando i politici italiani di aver tenuto "un comportamento irresponsabile".

In seguito alla videoconferenza, tenutasi via Skype con il leader delle proteste ad Hong Kong Joshua Wong ed organizzata da Fdi e Partito radicale, un attacco durissimo è arrivato da parte dell'ambasciata di Pechino a Roma, che ha accusato i politici italiani di essersi comportati in modo irresponsabile. Secondo l'ambasciata, che si è espressa attraverso un tweet sul proprio account ufficiale, Wong è responsabile di aver distorto la realtà delle cose e risulta essere uno dei principali responsabili degli scontri che stanno avendo luogo ad Hong Kong da settimane.

​La reazione di Fratelli d'Italia e Lega

"La dichiarazione del portavoce dell'ambasciata cinese in Italia di presunta irresponsabilità dei parlamentari presenti alla conferenza stampa con il leader della rivolta di Hong Kong Joshua Wong rappresenta un tentativo gravissimo di ingerenza nell'attività del parlamento. Il premier Conte e il ministro Di Maio cosa dicono? Stanno svendendo la nostra sovranità e la centralità del parlamento?", queste le parole di Fratelli d'Italia, mentre l'ex ministro leghista Gian Marco Gentinaio afferma "Ci sembra assurdo che la Cina si permetta di entrare a pieno titolo nelle questioni di Stati sovrani, come quello italiano".

"Intollerabili le dichiarazioni del portavoce dell'Ambasciata cinese in Italia sull'iniziativa organizzata ieri in Senato, anche da Fratelli d'Italia, con Joshua Wong, uno dei leader della protesta di Hong Kong. Siamo allibiti dall'arroganza e dalla sfrontatezza con le quali la rappresentanza diplomatica di Pechino si è permessa di censurare l'iniziativa di alcuni parlamentari italiani definendola irresponsabile" afferma personalmente Giorgia Meloni che chiede subito una convocazione con l'ambasciatore cinese.

​Proteste anche dal Pd

"L'ambasciata cinese definisce irresponsabili i parlamentari italiani che hanno parlato con il leader della protesta di Hong Kong? Una intromissione inaudita! Chiediamo ai Presidenti di Camera e Senato di tutelare con fermezza la dignità del Parlamento italiano" dichiara invece il deputato del Pd Andrea Romano.

La risposta della Farnesina

Il ministero degli esteri prende posizione sulla questione: fonti interne alla Farnesina dicono che "le dichiarazioni rese dal portavoce dell'Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese a Roma sono del tutto inaccettabili e totalmente irrispettose della sovranità del Parlamento italiano. Forte disappunto per quella che è considerata un'indebita ingerenza".

Si esprime poi anche il presidente della Camera, il pentastellato Roberto Fico che afferma "Difendo e difenderò sempre il diritto dei parlamentari di esprimere le proprie opinioni e i propri giudizi politici. Le parole dell'ambasciata cinese rispetto alla conferenza stampa cui hanno preso parte esponenti politici e l'attivista Joshua Wong sono profondamente irrispettose. Il Parlamento ha infatti il diritto e il dovere di ascoltare sempre tutte le posizioni e tutte le parti in causa, anche in relazione ad avvenimenti che si svolgono in altri Paesi".

 

Tags:
Farnesina, partito Democratico, Lega, Fratelli d'Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik