11:05 09 Dicembre 2019
Mevlut Cavusoglu

Ministro Esteri turco accusa Macron di aver intenzione di creare “uno stato terroristico”

© AP Photo / Andrew Harnik
Politica
URL abbreviato
151
Seguici su

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha dichiarato oggi che la Turchia non accetta le parole del presidente francese Emmanuel Macron riguardo all’operazione Fonte di Pace in Siria.

“Le parole di Macron non hanno nessun significato, lui è un protettore dei terroristi. Come aveva giù detto Merkel, la Turchia è un paese della NATO. Macron deve attenersi alle posizioni dei propri alleati”, cita le parole del ministro il canale televisivo NTV.

Secondo Cavusoglu, la Turchia tramite l’operazione militare al confine tra Siria e Turchia ha disturbato i piani della Francia di creare uno stato terroristico in Siria.

“Macron voleva stabilire uno stato terroristico ed è deluso, perchè l’operazione Fonte di Pace è stata svolta, quindi ora non comprende cosa dice”, riporta un’affermazione del ministro degli Esteri turco il canale CNN Turk.

I rapporti tra Ankara e Parigi si sono inaspriti dopo l’avvio dell’operazione militare turca nel nord-est della Siria, perchè la Francia supporta i gruppi curdi dell’Unità di Protezione Popolare (YPG) che la Turchia considera un ramo del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), organizzazione bandita in Turchia.

Cavasoglu contro Sassoli

La settimana scorsa Mevlut Cavusoglu aveva avuto uno scontro anche con il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, che durante un vertice con il ministro degli Esteri turco aveva espresso “la forte condanna dell'UE per l'intervento militare nel nord-est della Siria”. Cavusoglu ha risposto alle dichiarazioni di Sassoli direttamente su Twitter, sottolineando che il contenuto del discorso tra i due era diverso. “Condivide e spaccia come vere cose che non mi ha mai detto quando ci siamo incontrati”, aveva detto il capo della diplomazia turca.

Operazione "Fonte di Pace"

Lo scorso 9 di ottobre Ankara ha dato il via all'operazione denominata "Fonte di Pace" per assicurarsi una zona cuscinetto al confine con la Siria e per sgomberare il campo dalla presenza delle milizie curde dell'YPG.

Le azioni di guerra sono andate avanti per diversi giorni, finché il 17 ottobre USA e Turchia si sono accordati per un cessate il fuoco di 120 ore, condizionato al ritiro dei curdi dai territori della zona di sicurezza.

Il 23 ottobre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dunque dichiarato concluse le operazioni militari, dopo aver concluso un accordo anche con la Russia a seguito dell'incontro avuto con Vladimir Putin a Sochi.

Tags:
Francia, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik