22:14 07 Dicembre 2019
Congresso USA

Congresso USA vuole bloccare il Nord Stream 2 attraverso la spesa militare

CC BY-SA 2.0 / Greg Willis / US Capitol Dome & Senate
Politica
URL abbreviato
8133
Seguici su

Il Congresso degli Stati Uniti vuole includere delle sanzioni contro il gasdotto russo Nord Stream-2 nel budget per la difesa del paese del 2020. Lo ha annunciato a Defense News il capo della commissione per gli affari esteri del Senato, Jim Risch.

Le sanzioni per le società coinvolte nella costruzione del gasdotto sono state incluse nel progetto di legge sulla difesa nazionale per il 2020, ha affermato Risch. "La ragione di questo è che la finestra di opportunità si sta chiudendo. La maggior parte del Nord Stream-2 è già stata costruita", ha detto il senatore. Allo stesso tempo, ha espresso l'opinione che le sanzioni "convinceranno" le imprese a smettere di lavorare al progetto, poiché le restrizioni americane "costeranno caro".

Se le sanzioni saranno incluse nel bilancio della difesa degli Stati Uniti, le società coinvolte nella costruzione del Nord Stream 2 chiuderanno e la Russia dovrà presumibilmente cercare altri appaltatori, afferma Risch.

Tuttavia, ha osservato che la Camera dei rappresentanti e il Senato non hanno ancora raggiunto un accordo definitivo sul disegno di legge nel suo insieme.

Il Comitato per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti ha votato a fine luglio per approvare un disegno di legge sulle sanzioni contro Nord Stream-2. È stato preparato dal senatore repubblicano Ted Cruise e dalla democratica Jeanne Shaheen e, in particolare, prevede un divieto d'ingresso negli Stati Uniti e il congelamento dei beni statunitensi  delle persone coinvolte nella "vendita, locazione, fornitura o assistenza nel fornire" navi per la posa in mare di condutture a una profondità di 30 metri.

Affinché la proposta di legge entri in vigore, dovrà essere approvata dalla Camera dei rappresentanti e dal Senato degli Stati Uniti, nonché dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il Nord Stream-2

Il progetto Nord Stream-2 prevede la posa di due linee di gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla costa russa attraverso il Mar Baltico alla Germania. Il suo valore è di 9,5 miliardi di euro.

Alla fine di ottobre, la Danimarca ha rilasciato un permesso per la posa di un gasdotto sulla piattaforma continentale danese a sud-est di Bornholm nel Mar Baltico. In precedenza, il progetto era stato concordato con Germania, Svezia e Finlandia.

Il progetto è supportato dalla Germania e dall'Austria, interessate a forniture affidabili di carburante, nonché dalla Norvegia, il cui governo detiene il 30 percento delle quote di Kvaerner, uno degli imprenditori edili.

Alla costruzione del gasdotto si oppongono Polonia, Lettonia, Lituania e Ucraina, che non vuole perdere entrate dal transito del gas russo. Gli Stati Uniti stanno inoltre ostacolando il Nord Stream-2, in quanto vorrebbero diventare un importante fornitore di gas naturale liquefatto in Europa. Secondo i critici, Nord Stream-2 è un progetto politico. Allo stesso tempo, le autorità russe hanno ripetutamente affermato che il progetto è esclusivamente commerciale e che ha come obiettivo l'incremento della sicurezza energetica dell'Europa.

Correlati:

Cieli Aperti, Congresso USA chiede spiegazioni a Trump su possibile uscita dal trattato
Ministro Energia USA: Nord Stream 2 è colpo devastante per Europa
La Danimarca dice si ai lavori per il gasdotto Nord Stream-2 nella sua zona economica esclusiva
Tags:
Costruzione Nord Stream 2, gasdotto Nord Stream 2, Nord Stream 2, Nord Stream-2
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik