17:16 07 Dicembre 2019
Barriera tra Israele e Cisgiordania

Israele: svolta USA, gli insediamenti ebraici in Cisgiordania non sono più illegali

© AFP 2019 / Thomas Coex
Politica
URL abbreviato
8120
Seguici su

Gli Stati Uniti hanno cambiato la loro posizione sugli insediamenti israeliani in Cisgiordania, non ritenendoli più incompatibili con il diritto internazionale.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che lo status degli insediamenti ebraici in Cisgiordania è una questione che deve essere negoziata da israeliani e palestinesi. Israele ha accolto con favore l’annuncio che rappresenta una vera e propria inversione di marcia rispetto alla posizione degli Stati Uniti sotto il predecessore del presidente Donald Trump, Barack Obama.

Gli insediamenti sono comunità stabilite da Israele su terreni occupati nella guerra del Medio Oriente del 1967. Sono stati a lungo fonte di controversie tra Israele e la comunità internazionale e i palestinesi.

"Dopo aver attentamente studiato tutte le parti del dibattito legale", ha detto Pompeo ai giornalisti, "gli Stati Uniti hanno concluso che" l'istituzione d'insediamenti civili israeliani in Cisgiordania non è di per sé incompatibile con il diritto internazionale ".

Il capo negoziatore palestinese Saeb Erekat ha affermato che la decisione degli Stati Uniti costituisce un rischio per "stabilità, sicurezza e pace globali" e che minaccia di sostituire il diritto internazionale con "il diritto della giungla".

​Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che il cambiamento di politica rimette a posto "un errore storico" e ha invitato gli altri paesi a fare altrettanto.

La controversia degli insediamenti ebraici

La questione degli insediamenti ebraici è una delle più controverse tra Israele e i palestinesi. Circa 600.000 ebrei vivono in circa 140 insediamenti costruiti dopo l'occupazione israeliana in Cisgiordania e Gerusalemme est. Gli insediamenti sono ampiamente considerati illegali secondo il diritto internazionale, sebbene Israele lo abbia sempre contestato.

I palestinesi hanno da tempo chiesto la rimozione di tutti gli insediamenti, sostenendo che la loro presenza su un territorio che rivendicano per un futuro stato palestinese indipendente rende quasi impossibile rendere tale stato una realtà.

Nel 1978 l'amministrazione Jimmy Carter concluse che l'istituzione d'insediamenti civili era incompatibile con il diritto internazionale. Nel 1981, il presidente Ronald Reagan non era d'accordo con questa conclusione, dicendo che non credeva che gli insediamenti fossero intrinsecamente illegali.

Da allora, gli Stati Uniti hanno adottato una posizione intermedia descrivendo gli insediamenti come "illegittimi" - sebbene non "illegali" - per proteggere Israele da risoluzioni di condanna sulla questione alle Nazioni Unite.

 

Correlati:

Israele arresta sospetti responsabili di esplosioni in Cisgiordania
Netanyahu promette di annettere la Valle del Giordano alla Cisgiordania
Governo israeliano legalizza colonia in Cisgiordania
Tags:
Cisgiordania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik