20:26 07 Dicembre 2019
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini

Salvini apre a Mario Draghi presidente della Repubblica: "Why not?"

© AFP 2019 / Tiziana Fabi
Politica
URL abbreviato
207
Seguici su

Salvini spiazza tutti e si dichiara possibilista su un'eventuale elezione di Mario Draghi alla presidenza della Repubblica. Alla Leopolda, Renzi aveva ammesso di aver sostenuto un cambio di governo per garantire all'Italia un presidente europeista.

"Why not?": così risponde Matteo Salvini alla domanda su Mario Draghi presidente della Repubblica, che il giornalista Mario Giordano gli aveva posto durante la trasmissione Tv Fuori dal Coro. “Nel caso”, ha aggiunto poi l’ex ministro dell’Interno, “in cui cada questo governo attaccato con lo scotch il presidente della Repubblica non potrà che restituire la parola agli italiani”.

​Una mossa da decifrare secondo due direttrici. Da un lato, come aveva rivelato Matteo Renzi durante la Leopolda, il fronte Ursula promosso da Prodi delle forze che avevano votato la Von Der Leyen come Presidente della Commissione Europea, si era compattato sulla necessità di garantire, alla fine del mandato di Sergio Mattarella nel 2022, un parlamento a maggioranza filoeupeista. Questo per garantire un nuovo Presidente della Repubblica in linea con Bruxelles e con gli stati membri. Un sostegno della Lega a Draghi scardinerebbe il collante che tiene unita alla maggioranza e assicurerebbe l'Europa in caso di elezioni anticipate. Elezioni che Matteo Salvini non ha mai smesso di chiedere. 

Dall'altro lato, l'espressione di un presidente come Mario Draghi, non solo europeista ma anche reggente della BCE durante il periodo più buio della crisi economica, potrebbe riflettere la convergenza tra Lega e FdI e Forza Italia, che non si colloca nel panorama sovranista ma resta un partito liberal-cattolico. Un segno di ritrovate convergenza e armonia tra le forze di centrodestra dopo la manifestazione del 19 ottobre

Tags:
Matteo Renzi, Mario Draghi, Matteo Salvini, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik