Widgets Magazine
04:35 12 Novembre 2019
Putin ed Erdogan dopo i colloqui di Sochi

Accordi cruciali tra Russia e Turchia sulla Siria - Putin

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Politica
URL abbreviato
L'operazione turca "Fonte di Pace" in Siria (93)
8410
Seguici su

Si sono conclusi i colloqui durati 6 ore e 20 minuti nella nota località russa del Mar Nero tra Putin ed Erdogan.

L'incontro tra i due capi di Stato era iniziato alle 13.27 dell'orario locale (in Italia le 12.27 - ndr).

Putin ed Erdogan, secondo uno dei membri della delegazione russa, per diverse ore hanno parlato a quattr'occhi.

Come riferito in precedenza ai giornalisti dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, i colloqui tra i due leader dovevano essere dettagliati, complessi e ragionati e "molti argomenti" dovevano essere oggetto della discussione.

Il tema principale dell'incontro tra Putin ed Erdogan era la situazione in Siria alla luce dell'operazione militare di Ankara e degli accordi raggiunti tra Turchia e Stati Uniti sul cessate il fuoco di 120 ore.

Durante la conferenza stampa il capo di Stato russo Vladimir Putin ha affermato che Mosca e Ankara hanno raggiunto una serie di accordi sulla Siria.

Il presidente russo ha definito questi accordi "molto importanti, se non cruciali".

"Le decisioni <...> consentiranno di risolvere una situazione piuttosto spinosa che si è sviluppata oggi al confine tra Siria e Turchia", ha dichiarato Putin.

Putin: serve ampio dialogo tra curdi e autorità siriane

Occorre avviare un ampio dialogo tra i curdi e il governo siriano, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin nella conferenza stampa a margine dei colloqui con il capo di Stato turco Tayyip Erdogan.

"Serve avviare un ampio dialogo tra il governo siriano e i curdi che vivono nel nord-est della Siria. È ovvio che all'interno di un dialogo così inclusivo che tutti i diritti e gli interessi del popolo curdo, come parte integrante del popolo siriano multinazionale, possono essere pienamente presi in considerazione e realizzati", le parole di Putin.

Inoltre il presidente russo ha condiviso le preoccupazioni della parte turca per la crescita dei sentimenti separatisti in Siria.

"Favorire ritorno in patria dei profughi siriani"

Il presidente russo ha esortato la comunità internazionale a favorire il ritorno in patria dei profughi siriani.

"Sollecitiamo la comunità internazionale, in particolare le agenzie competenti dell'Onu, a fornire attivamente assistenza umanitaria a tutti i siriani che ritornano in patria senza discriminazioni, politicizzazioni e condizioni preliminari", ha affermato nella conferenza stampa a seguito dei colloqui di Sochi con Erdogan e la delegazione turca.

Inevitabile rispetto reciproco tra Siria e Turchia per superare crisi - Putin

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che non si può fare a meno della cooperazione basata sul rispetto reciproco tra Turchia e Siria.

"I turchi e i siriani dovranno difendere insieme la pace e la tranquillità al confine. Qui non si può fare a meno del rispetto reciproco tra Turchia e Siria", le parole di Putin dopo i colloqui con il presidente turco Tayyip Erdogan.

Erdogan chiarisce l'obiettivo dell'operazione turca in Siria

La Turchia sta facendo tutto il possibile per liberare il territorio siriano dai gruppi terroristici, ha dichiarato il presidente turco Tayyip Erdogan.

"In questa operazione, Fonte di Pace, stiamo facendo tutto il possibile per ripulire questi territori dal terrorismo", le parole di Erdogan nella conferenza stampa con Putin.

Erdogan ha poi aggiunto che a partire da domani tutti i gruppi armati curdi siriani dovranno ritirarsi ad almeno 30 chilometri dal confine con la Turchia.

Inoltre il capo di Stato turco, rispondendo indirettamente alle accuse del presidente siriano Bashar Assad, che oggi l'aveva apostrofato come "ladro di terre", ha dichiarato che con l'operazione "Fonte di Pace" la Turchia non ambisce ad annettere nuovi territori.

Accordo tra Russia e Turchia sulla Siria

La Russia e la Turchia hanno concordato un memorandum sulla Siria a margine dei colloqui tra i presidenti Putin ed Erdogan a Sochi.

A sua volta il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che le delegazioni dei due Paesi hanno raggiunto un'intesa affinchè la polizia militare russa e le forze governative siriane rimarranno al di fuori della zona dell'operazione militare turca in Siria settentrionale.

Tema:
L'operazione turca "Fonte di Pace" in Siria (93)
Tags:
Geopolitica, Siria, Politica Internazionale, Russia, Curdi, crisi in Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik