17:03 22 Novembre 2019

Brexit, Camera dei Comuni approva emendamento rinvio con 322 voti a favore e 306 voti contro

© Sputnik . Alexey Filippov
Politica
URL abbreviato
1113
Seguici su

La Camera dei Comuni britannica ha approvato l'emendamento Letwin, che provocherà un ulteriore spostamento in avanti della data di uscita del Regno Unito dall'UE oltre il 31 ottobre. Boris Johnson pronto ad andare avanti con l'uscita senza accordo.

Il Parlamento britannico, riunito questo pomeriggio a Westminster, ha votato a favore di un emendamento proposto dal deputato dissidente dei conservatori Oliver Letwin, di fatto rimettendo la palla in mano al primo ministro Boris Johnson, che ora sarebbe costretto a tornare a Bruxelles per rinegoziare un nuovo accordo e a chiedere un nuovo slittamento della data della Brexit oltre il 31 ottobre.

Scendendo nel dettaglio, l'emendamento Letwin rinvia il "voto significativo" sull'accordo tra governo e Ue sulla Brexit a dopo l'approvazione della legge attuativa dell'intesa.

Categorico il no di BoJo che, intervenendo subito dopo l'ufficialità del voto data dallo speaker John Bercow, ha dichiarato che il governo è pronto ad andare avanti per rendere effettiva la Brexit entro la data stabilita, anche a costo di stralciare l'accordo trovato d'accordo strappato da Johnson nei giorni scorsi a Bruxelles.

"Usciremo il 31 ottobre. Non negozierò un rinvio con l'Unione Europea.", sono state le parole di Johnson.

A votare a favore dell'emendamento Letwin sono stati in 322 con 306 voti contrari; a fare la differenza sarebbero stati i voti degli espulsi dal partito conservatore e degli unionisti nordirlandesi, contrari all'accordo.

Ora il governo dovrà votare su un altro importante emendamento riguardante la possibilità di tenere un referendum bis sulla Brexit.

In migliaia in piazza a Londra

Contestualmente decine di migliaia di cittadini britannici, sventolando le bandiere dell'UE, si sono radunati nel centro di Londra per dire no alla Brexit e chiedere che il Regno Unito resti a far parte dell'UE.

Su uno dei palchi allestiti per l'occasione è intervenuto anche il primo cittadino della capitale britannica, Sadiq Khan, che ha dichiarato che è ormai arrivato il momento di fermare la Brexit.

Gli organizzatori della marcia in corso a Londra in favore di un secondo referendum sulla Brexit affermano di aver portato in piazza "un milione di persone".

Alcuni manifestanti hanno condiviso su Twitter delle immagini che mostrano centinaia di persone radunate a Trafalgar Square.

Nel frattempo proprio su Twitter sta impazzando l'hashtag #Marchforeurope, utilizzato da tutti i partecipanti alle manifestazioni che si stanno tenendo anche in molte altre città della Gran Bretagna.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik