20:42 10 Dicembre 2019
Silvio Berlusconi

"Il centrodestra lo abbiamo inventato noi"- Berlusconi ne ha per tutti: tasse, Renzi e Salvini

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Politica
URL abbreviato
5212
Seguici su

Dal Teatro Manzoni di Milano, davanti ai seniores di Forza Italia Berlusconi rivendica la paternità del centro destra: "Lega e fascisti li abbiamo fatti entrare noi al governo li abbiamo legittimati noi, li abbiamo costituzionalizzati noi. Siamo ancora nel centrodestra, di cui siamo il cuore, il cervello e la spina dorsale".

Durante l'incontro organizzato da Forza Italia dal titolo "Giù le mani dalle pensioni", Berlusconi si fa protagonista dello show parlando per mezz'ora in apertura e tre quarti d'ora in chiusura, di numerosi argomenti, esprimendo le proprie opinioni sul centrodestra, sul governo, sulle tasse e sulla situazione dei transfughi.

Esiste ancora un centrodestra?

Il Presidente Berlusconi non manca di ragionare sul futuro del centrodestra, che oggi più che mai deve dimostrarsi compatto per contrastare l'avanzata del nuovo sodalizio giallorosso, e rivendica le proprie posizioni, non accettando l'idea di essere messo da parte come esponente e come partito:

"Abbiamo superato intemperanze, provocazioni e dichiarazioni antipatiche quasi giornaliere per il bene del Paese. Il centrodestra deve esistere per il bene del Paese. Ma siamo distinti, non siamo populisti, non siamo sovranisti, non siamo arroganti, non siamo incolti, abbiamo studiato e lavorato, noi in Italia siamo i continuatori, i garanti della tradizione occidentale, liberale, democratica, cristiana, garantista. Noi in Italia siamo gli unici ad avere scolpiti nella mente e il cuore i principi democratici dell'Occidente" e aggiunge "Siamo obbligati a stare nel centrodestra, se loro non avessero noi in coalizione non sarebbero centrodestra, sarebbero una destra estremista incapace di vincere e sicuramente incapaci di governare".

La questione dei transfughi

Il Cavaliere rappresenta ancora un pezzo importante della politica odierna, nonostante i vari tentativi di metterlo da parte, ma guarda con preoccupazione a questo nuovo governo, e non risparmia una stoccata ai cosiddetti transfughi:

"Non c'è paura che i nostri vadano da Renzi. Lo conosciamo: è di sinistra da sempre, anche se è simpatico e gradevole, ma ha la grande colpa di essere stato lui a spingere per un accorto tra Lega e 5 Stelle" e aggiunge, parlando in particolare della senatrice azzurra Conzatti: "Qualche stupido è andato da un'altra parte: ho detto stupido, non coglione... Spariranno dalla vita politica come tutti quelli che ci hanno abbandonati".

La sinistra e Renzi: ma non avevano detto di abbassare le tasse?

Sulle tasse l'ex premier, come l'intero centrodestra, non si fa scrupoli nel criticare le decisioni prese da questo nuovo governo e quante delle promesse fatte in precedenza non siano state rispettate:

"Hanno detto che abbassavano le tasse, ma da quando sono al Governo li abbiamo sentiti parlare solo di più tasse: tasse sulle merendine, sulle bevande, sui voli aerei. Questo è il governo più di sinistra della storia, è il governo delle quattro sinistre perché si è aggiunto anche Renzi". 

Tra le tasse ipotizzate nella nuova manovra c'è anche quella sul contante. Il merito il parere di Berlusconi è netto:

"Ma come si fa a pensarlo quando più dell'ottanta per centro paga le transazione in contanti e come si fa a pensare che noi vecchietti ci mettiamo a capire come si usa una tessera bancomat. Noi vogliamo essere liberi di pagare come vogliamo".

Tags:
Forza Italia, Lega, Silvio Berlusconi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik