02:28 20 Novembre 2019
Boyko Borisov

"Gli americani conoscono i bulgari come quelli che hanno sparato al Papa"

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Politica
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il capo del governo bulgaro Boyko Borisov ha ricordato la recente visita della nuova presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, che ha ammesso che l'Occidente "non conosce affatto la Bulgaria".

"Se chiedete gli americani di noi, diranno probabilmente che abbiamo sparato al Papa, nonostante i Papi sono venuti da noi per tre volte senza problemi", ha dichiarato il premier Borisov a Plovdiv, dove ha visitato la Grande Basilica in restauro insieme al presidente della fondazione "America for Bulgaria" Nancy Schiller.

"Siamo un popolo antico con una storia millenaria: più lo possiamo mostrare al mondo, meglio è per noi", ha affermato il primo ministro bulgaro, aggiungendo che durante la costruzione di autostrade nel Paese vengono regolarmente scoperti insediamenti traci fondati diverse migliaia di anni fa. 

L'attentato contro Papa Giovanni Paolo II venne commesso nel maggio 1981 in Vaticano. Mehmet Ali Agca, l'attentatore turco del Pontefice militante dell'organizzazione nazionalista turca dei Lupi Grigi, è stato dichiarato colpevole e condannato all'ergastolo. Anche tre cittadini bulgari sono stati sospettati di complicità e preparazione dell'attentato: il direttore dell'ufficio dell'aviazione civile bulgara a Roma Sergey Antonov, nonché i dipendenti dell'Ambasciata bulgara in Italia Zhelyu Vasilyev e Todor Aivazov. Antonov è stato arrestato e poi prosciolto per mancanza di prove, Vasilyev e Aivazov sono riusciti a fare ritorno in Bulgaria prima di essere arrestati.

Il primo ministro bulgaro Bojko Borisov
© AFP 2019 / Nikolay Doychinov

Nei media americani si era diffusa rapidamente la versione secondo cui l'Unione Sovietica potesse essere il regista dell'attentato contro il Papa polacco. Claire Sterling, una giornalista americana, ha ipotizzato che l'Urss avesse visto una minaccia nel sindacato polacco Solidarnosc, pertanto le autorità sovietiche avrebbero chiesto aiuto ai servizi segreti bulgari, che a loro volta avrebbero ingaggiato Agca per uccidere il Papa, polacco e sostenitore del sindacato d'opposizione al regime comunista. Questa versione è stata inoltre ripresa e sostenuta da Paul Henze, un ex agente della Cia in Turchia, e Michael Leeden, legato al Centro americano di studi strategici e internazionali (CSIS) (Center for Strategic and International Studies - CSIS). Secondo quanto scritto dall'Independent, nei media americani era quasi impossibile esprimere un punto di vista diverso dalla versione di Sterling e Henze, mentre gli esperti, parlando in televisione, insistevano per non invitare nessuno in studio come contestatore della loro tesi.

La versione caldeggiata dai media americani, tuttavia, venne presto liquidata come inconsistente: nel luglio 1980, quando fu pianificato l'attentato al Papa, Solidarnosc non esisteva ancora.

Tags:
Papa Giovanni Paolo II, URSS, USA, Bulgaria, Boyko Borisov
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik