Widgets Magazine
14:30 23 Ottobre 2019
Vladimir Putin all'incontro con Erdogan e Rouhani

Putin offre all'Arabia Saudita i lanciamissili di contraerea S-300 e S-400

© Sputnik . Aleksey Nikolsky
Politica
URL abbreviato
161413
Seguici su

Vladimir Putin ha proposto all'Arabia Saudita di comprare le unità missilistiche russe di difesa aerea S-400 o S-300 sullo sfondo degli attacchi con i droni contro gli impianti petroliferi sauditi.

Rispondendo ad una domanda sull'attacco contro le raffinerie petrolifere saudite, il capo di Stato russo ha citato il Corano.

"Nel testo sacro del Corano si parla dell'inammissibilità di qualsiasi tipo di atto violento ad eccezione della difesa. Qui, per difendere la propria gente, il proprio Paese, siamo pronti a fornire un'adeguata assistenza all'Arabia Saudita", ha dichiarato Putin.

Secondo il presidente russo, per la leadership saudita è "sufficiente prendere una saggia decisione governativa" e acquistare gli S-300 seguendo l'esempio dell'Iran o gli S-400, come hanno fatto le autorità turche.

"Difenderanno in modo affidabile qualsiasi infrastruttura in Arabia Saudita", ha affermato il presidente russo. 

Rispondendo alla domanda del presidente dell'Iran Hassan Rouhani su quale armamento sia meglio comprare, Putin ha affermato: "lasciateli scegliere".

Inoltre il capo di Stato russo ha citato ancora una volta il Corano commentando gli attacchi alle infrastrutture petrolifere saudite.

"Essendo qui in Turchia, un Paese con una popolazione prevalentemente musulmana, non posso fare a meno di ricordare i versi del Corano, che dice: 'Ricordate la misericordia di Allah. Una volta eravate nemici, Allah ha riappacificato i vostri cuori e vi ha reso fratelli.' Bisogna basarsi su questo", ha concluso il presidente russo.

Nuove tensioni in Medio Oriente

Un incendio è scoppiato sabato sera nella raffineria di Abkaik dell'Arabia Saudita orientale e nella raffineria di Khurais ad est della capitale di Riyadh. Entrambe le strutture appartengono alla compagnia energetica statale Saudi Aramco. I ribelli huthi yemeniti, appartenenti al movimento sciita Ansar Allah filo-iraniano, hanno successivamente rivendicato l'attacco contro gli impianti petroliferi sauditi, perpetrato con l'utilizzo di dieci velivoli aerei senza pilota (droni). Allo stesso tempo il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che non vi sono prove del fatto che l'attacco sia partito dallo Yemen ed ha accusato esplicitamente l'Iran di aver condotto questa operazione.

Tags:
Geopolitica, Difesa, Sicurezza, S-300, Sistema antiaereo S-400, Arabia Saudita, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik