18:31 07 Dicembre 2019
Luigi Di Maio, il ministro degli Esteri del governo Conte bis

Di Maio lancia un appello per un Patto civico alle regionali in Umbria

© REUTERS / Ciro de Luca
Politica
URL abbreviato
7327
Seguici su

La proposta è stata inviata in una lettera al quotidiano La Nazione. Apprezzamenti da Pd e Leu, Salvini: "Disperati".

Il leader dei Cinquestelle, Luigi Di Maio propone un Patto civico per le prossime elezioni regionali del 27 ottobre in Umbria. Tutte le forze politiche che vorranno sostenere l'accordo, dovranno fare un passo indietro e sostenere “con il proprio simbolo un presidente civico e un programma comune”.

La proposta di Di Maio, inviata in una lettera a La Nazione, prevede anche che i partiti che dovessero aderire a questo modello non rivendichino poi incarichi nella eventuale futura giunta.

Non si tratta di alleanze o coalizioni, secondo il leader M5S ma “ognuno correrà con il proprio simbolo in sostegno di un presidente civico e con un programma comune e senza pretendere nulla sulla composizione della giunta e sulle dinamiche del governo regionale. Le forze politiche saranno solo in Consiglio regionale con i propri gruppi”.

Di Maio non li cita ma la proposta è rivolta a Pd e Leu

Anche se non vengono citati, il progetto di Di Maio è rivolto agli attuali alleati di governo, Pd e Leu. Un'idea che da quelle parti hanno mostrato di non disprezzare.

Secondo Speranza, segretario nazionale di Articolo Uno e ministro della Salute “una nuova stagione di civismo è la strada giusta per l'Umbria. Da Di Maio arrivano parole di buon senso. Il punto essenziale dovrà essere la difesa dei valori portanti della Costituzione, a partire dalla dignità del lavoro e contro le diseguaglianze sociali”.

Particolarmente interessato è anche il deputato democratico, Walter Verini, umbro di Città di Castello: “Mi pare che le parole di Luigi Di Maio rappresentino un fatto nuovo e significativo. Un'intesa a livello regionale può essere praticata”.

Il segretario del Pd non è da meno: “Anche in Umbria il confronto può andare avanti. Ci sono tutte le condizioni per un processo nuovo che valorizzi le qualità e metta al centro il lavoro, la sostenibilità e il bene dei cittadini”.

Un'idea del genere non poteva chiaramente piacere a Matteo Salvini secondo cui “Di Maio è disperato e supplica il Pd per evitare di sparire. Fortunatamente i cittadini umbri potranno votare, a differenza degli altri italiani e quindi chi ha preferito la poltrona alla dignità ha le ore contate”.

Correlati:

Umbria, si dimette la presidente Catiuscia Marini
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik