05:28 10 Dicembre 2019
Manifestazione per la Brexit a Londra

Operazione Yellowhammer, svelato lo scenario peggiore di una Brexit senza accordo

© REUTERS / TOBY MELVILLE
Politica
URL abbreviato
243
Seguici su

Lo scenario “peggiore” è stato pubblicato due giorni dopo che la Camera dei Comuni ha votato per obbligare il governo a pubblicare le sue valutazioni delle possibili conseguenze di una ‘Hard Brexit’.

Il governo del Regno Unito ha reso noto il documento sulla cosidetta “Operazione Yellowhammer”, il piano di emergenza per una Brexit senza accordo. Il titolo del documento è "Operation Yellowhammer: HMG Reasonable Worst Case Planning Assumptions". Il documento svela quali sarebbero le conseguenze di una Brexit senza accordo nel perggiore dei casi.

Secondo lo scenario reso noto dal governo britannico, gli attraversamenti del Canale della Manica potrebbero ridursi del 40-60% e ci vorrà un periodo fino a tre mesi, perchè la situazione torni alla normalità.

"Alcuni servizi finanziari transfrontalieri del Regno Unito saranno interrotti. I dati delle forze dell'ordine e la condivisione di informazioni tra Regno Unito e UE saranno interrotti. I cittadini britannici perderanno la loro cittadinanza europea e, di conseguenza, con passare del tempo è possibile che perderanno i diritti associati, nonchè l'accesso ai servizi pubblici in Europa, oppure saranno richiesti di accederli su una base differente”, dice il documento.

"Gibilterra, a causa della sua posizione (...) vedrà l'interruzione della fornitura di merci (compresi alimentari), medicinali, spedizioni transfrontalieri di rifiuti. Ci saranno maggiori attese con ritardi di almeno 4 ore per lavoratori, residenti e turisti che attraversano il confine. I ritardi prolungati dell’attraversamento del confine a lungo termine potranno avere un impatto negativo sull'economia di Gibilterra”.

Inoltre, i cittadini del Regno Unito che partono verso l'Ue o tornano a casa potrebbero essere sottoposti a maggiori controlli ai confini.

Mentre la domanda di energia sarà soddisfatta e il governo non si aspetta interruzioni dei rifornimenti di elettricità delle interconnessioni del gas, alcuni tipi di approvvigionamento alimentare diminuiranno.

“Gli strati sociali più vulnerabili saranno affetti da eventuali aumenti dei prezzi su cibo e carburanti in modo spoporzionato”, si legge nel documento.

Il fatto che incuriosisce e allo stesso tempo preoccupa molti cittadini inglesi è quello che l'articolo 15 del documento è stato oscurato.

Inoltre, il governo del Regno Unito teme che una ‘Hard Brexit’ potrebbe innescare proteste e contro-proteste in tutto il Paese, il che potrebbe costringere ad impegnare tante unità di forze dell’ordine, si legge nel testo dell' “Operazione Yellowhammer”.

Gran Bretagna nell'impasse

Al momento la situazione sulla Brexit è in un vicolo cieco. Il Parlamento del Paese si oppone all'accordo attuale con l'Ue, ma è categoricamente contrario alla Brexit senza un accordo. L'Ue rifiuta di riprendere i negoziati e rivedere l'accordo. Il primo ministro Johnson ha ripetutamente insistito che la Gran Bretagna avrebbe lasciato l'Ue con o senza accordo entro il giorno della scadenza, il 31 ottobre.

Correlati:

Brexit di Boris: il parlamento britannico non si arrende
Brexit, ministro del Lavoro si dimette
Brexit, Blair: un nuovo referendum aiuterebbe a risolvere la crisi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik