Widgets Magazine
22:34 20 Settembre 2019
Il consigliere per la sicurezza John Bolton ascolta il presidente Donald Trump durante un incontro alla Casa Bianca

Trump definisce "irrilevante" la strategia di Bolton sul Venezuela

© AP Photo / Evan Vucci
Politica
URL abbreviato
3131
Seguici su

Il presidente statunitense Donald Trump ha dichiarato che era in disaccordo con il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton sulla questione del Venezuela.

“Ero in disaccordo con John Bolton sul Venezuela. Penso che sia andato oltre ogni limite”, ha detto Trump senza dare ulteriori dettagli sulla sostanze delle controversie.

Bolton ha cercato di ottenere l'obiettivo del cambiamento di potere in Venezuela mediante la pressione economica. I media statunitensi avevano ripetutamente riferito che Trump era infastidito dal fallimento di questa strategia.

Trump ha anche affermato che Bolton ha commesso “alcuni errori molto grandi”. “Non è stato in grado di trovare un linguaggio comune con le persone dell'amministrazione, che considero molto importante”, ha detto il presidente statunitense.

Ieri Trump ha ringraziato Bolton per il servizio previsto e gli ha chiesto di rassegnare le sue dimissioni. Ora il padrone della Casa Bianca sta considerando cinque candidati per la carica di nuovo consigliere per la sicurezza nazionale al suo posto.

La crisi politica in Venezuela

La crisi politica in Venezuela è cominciata il 21 gennaio, quando sono iniziate proteste di massa in Venezuela contro l'attuale presidente del paese, Nicolas Maduro. Il 23 gennaio, il capo dell'Assemblea nazionale di opposizione, Juan Guaidó, si è proclamato l'attuale presidente del Venezuela, ed è stato immediatamente riconosciuto dagli Stati Uniti e da un certo numero di paesi dell'America Latina.

L'opposizione del Venezuela il 30 aprile ha tentato un colpo di stato. Juan Guaidó e i suoi sostenitori si sono radunati a Caracas davanti alla base militare di Carlota. In precedenza, Guaidó aveva invitato il popolo del Venezuela e l'esercito a scendere in piazza per completare l'Operazione Freedom e rovesciare il presidente legittimo, Nicolás Maduro. Il Capo dello Stato e il ministro della Difesa hanno dichiarato la lealtà delle forze armate alle autorità legittime. Le autorità hanno successivamente annunciato il fallimento del tentativo di colpo di stato e Maduro ha ordinato d'iniziare a indagare sugli eventi del 30 aprile.

Correlati:

Venezuela, di nuovo allerta arancione al confine con Colombia
Il Venezuela potrebbe ospitare missili russi
Pompeo: con Maduro nessuna possibilità di elezioni libere in Venezuela
Tags:
Situazione in Venezuela, Venezuela, John Bolton, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik