16:59 19 Novembre 2019
Abbas Araghchi

Teheran rivela le condizioni per tornare all'accordo nucleare

© AP Photo / Ronald Zak
Politica
URL abbreviato
0 90
Seguici su

L'Iran riprenderà l'implementazione dei suoi obblighi sull'accordo nucleare se verranno revocate le limitazioni alle esportazioni di petrolio e alle attività bancarie.

Lo ha dichiarato il viceministro degli Esteri iraniano Abbas Araghchi.

Le autorità iraniane riprenderanno la realizzazione di tutti i loro obblighi relativi all'accordo sul programma nucleare in caso di revoca delle limitazioni all'export petrolifero e alle attività delle banche nei mercati finanziari globali. Lo ha fatto sapere oggi il viceministro degli Esteri Abbas Araghchi.

"Per riprendere la piena implementazione dell'accordo sul programma nucleare iraniano, le richieste di Teheran relative alle esportazioni di petrolio e al settore bancario devono essere realizzate", l'agenzia di stampa iraniana IRNA riporta le parole di Araghchi.

Secondo il diplomatico iraniano, "durante il vertice del G7 a Biarritz, il capo di Stato francese Emmanuel Macron ha avuto colloqui con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, nel corso dei quali la parte americana ha mostrato una certa flessibilità nello sciogliere il nodo delle esportazioni di petrolio iraniano".

ieri il Wall Street Journal ha riferito che i diplomatici europei sostengono la proposta di Macron di consentire all'Iran di vendere determinati volumi di petrolio in cambio del rispetto di alcuni obblighi del piano d'azione globale congiunto. Secondo il giornale, si parla del piano che il presidente francese ha delineato a Trump nell'incontro svoltosi durante i lavori del vertice del G7 a Biarritz. Per il Wall Street Journal, non è ancora chiara la posizione che perseguirà il presidente Trump.

Il peggioramento delle relazioni tra Teheran e Washington

Le tensioni tra gli Stati Uniti e l'Iran sono cresciute dall'8 maggio 2018, quando il presidente Donald Trump ha ritirato unilateralmente il suo Paese dal piano d'azione globale congiunto ed ha imposto diverse serie di sanzioni economiche all'Iran.

Esattamente un anno dopo, Teheran ha annunciato la propria decisione di sospendere parzialmente alcuni obblighi previsti dall'accordo e ha concesso agli altri firmatari dell’accordo - Francia, Germania, Regno Unito, Russia, Cina e UE - 60 giorni per salvare l'accordo agevolando le esportazioni di petrolio e il commercio con l'Iran.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Nucleare, Accordo nucleare, USA, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik