05:45 22 Novembre 2019
Giuseppe Conte interviene al vertice a Bruxelles

Crisi di governo, oggi il discorso di Conte

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Politica
URL abbreviato
Crisi di Governo (77)
104
Seguici su

La giornata di oggi vedrà il discorso del primo ministro Giuseppe Conte al Senato e un possibile colloquio al Quirinale.

Oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in seguito alla mozione di sfiducia ricevuta dalla Lega, terrà un discorso al Senato considerato cruciale da molti. Infatti oggi dopo le sue dichiarazioni il premier potrebbe recarsi autonomamente al Colle per dare le sue dimissioni o essere sfiduciato.

Nelle sue comunicazioni Conte racconterà come si è giunti alla crisi e perché Matteo Salvini ha voluto rompere col Governo; probabilmente l'intervento sarà durissimo contro il leader della Lega.

Sicuramente Conte rivendicherà il lavoro fatto al governo e criticherà le modalità scelte dal ministro dell’Interno nel porre fine all’alleanza con gli M5s interrompendo l’intero ciclo politico dell’alleanza giallo-verde.

Per quanto riguarda quello che accadrà dopo il discorso di Giuseppe Conte alcuni analisti ritengono che dopo aver rese le sue dichiarazioni al Senato, il premier possa rassegnare le proprie dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica. Questa ipotesi è sorretta dal fatto che il patto politico che sorregge l’accordo tra Movimento Cinque Stelle e Lega è venuto meno, anche nel caso un eventuale voto sulla sfiducia in Parlamento dovesse essere superato.

Questo però è ostacolato da una importante votazione, ritenuta fondamentale dai pentastellati, in calendario alla Camera dei deputati, il “ddl costituzionale Fraccaro” che prevede il taglio di 345 parlamentari.

C’è chi invece sostiene che l’ipotesi più verosimile sia una riconferma di Conte a capo del Governo con l’interrogativo di quale maggioranza sarebbe in grado di tenerlo in carica: quella attuale, Cinque Stelle-Lega, o presumibilmente quella di PD e 5Stelle.

La crisi di governo

Ancora incertezza sulle sorti del Governo, che crea preoccupazione riguardo la manovra economica e le sfide che attendono il paese, nel concreto il taglio delle tasse, la sterilizzazione dell'Iva e le riforme che il governo del cambiamento aveva annunciato.

In seguito alla mozione di sfiducia a Conte presentata il 9 agosto dalla Lega si sono aperti diversi scenari, inclusa la possibilità di una alleanza istituzionale o addirittura politica fra M5S e PD, per dare un segnale di responsabilità al paese. 

Fallito invece, almeno per il momento, il tentativo della Lega di costituire una allenza di centro-destra, con Meloni e Berlusconi, per presentarsi alle elezioni, che Salvini vuole al più presto possibile. 

Tema:
Crisi di Governo (77)

Correlati:

Di Maio: chi vota la sfiducia a Conte non vuole il taglio dei Parlamentari
Salvini risponde a lettera di Conte sull’immigrazione
Pace con la Lega: Di Maio premier, Conte in Europa. Ma il M5S dice no
Tags:
PD, Lega, M5S, Senato, Giuseppe Conte
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik