Widgets Magazine
11:14 15 Ottobre 2019
Combattente del Daesh (foto d'archivio)

Iraq accusa il Pentagono di mentire su migliaia di combattenti dell'Isis

© REUTERS / Stringer/Files
Politica
URL abbreviato
0 140
Seguici su

Il rapporto del Dipartimento della Difesa statunitense sui migliaia di combattenti dello Stato Islamico (noto come Isis o Daesh) al confine tra Iraq e Siria è falso.

Questa dichiarazione è stata fatta dal generale iracheno Yahya Rasul, a capo dell'offensiva contro le sacche di resistenza jihadiste verso il confine con la Siria, riferisce Al-Masdar News.

"I numeri espressi dal Pentagono sono estremamente esagerati".

Rasul ha inoltre affermato che l'Iraq ha recentemente lanciato la terza fase dell'operazione "Will to Victory", il cui obiettivo è liberare l'Iraq dalle cellule "dormienti" dei jihadisti dallo Stato Islamico. Come precedentemente riportato, per i militari americani si trovano circa 14mila combattenti dell'Isis al confine tra Iraq e Siria.

Il 7 agosto, il Pentagono ha riconosciuto ufficialmente che lo Stato Islamico, la cui sconfitta era stata precedentemente annunciata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, si sta rafforzando tra Siria e Iraq.

A luglio è stato riferito che le forze governative siriane hanno deciso di liquidare quel che resta delle forze dello Stato Islamico nella provincia di Deir ez-Zor. In precedenza l'esercito iracheno aveva deciso di ripulire dai gruppi jihadisti i territori dalla sua parte del confine con la Siria.

Tags:
Pentagono, ISIS, Terrorismo, Iraq, Siria, crisi in Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik