Widgets Magazine
12:07 21 Agosto 2019
NATO

Stoltenberg: nessuna promessa alla Russia della Nato per non allargarsi

© REUTERS/ Ints Kalnins
Politica
URL abbreviato
24564

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha dichiarato che l'Alleanza Atlantica non ha mai promesso alla Russia che non avrebbe accolto nuovi membri dopo la fine della guerra fredda.

"Non c'è stata questa promessa", ha detto in un suo intervento in un istituto di ricerca a Sydney. Secondo Stoltenberg, se la Nato avesse fatto questo tipo di promessa per non espandersi, i Paesi membri del patto atlantico si sarebbero dovuti riunire per approvare questa decisione.

"Posso assolutamente affermare con certezza e garantirvi che non c'è mai stato un incontro del genere. Le decisioni della Nato si prendono all'unanimità, quindi alla Russia non sono state fatte queste promesse", ha detto Stoltenberg. La registrazione del suo discorso è stata distribuita dall'ufficio stampa della Nato. 

Allo stesso tempo ha smentito che gli Stati Uniti abbiano fatto questo tipo di promesse. "Sarebbe stato assolutamente inaccettabile... Rianimerebbe l'idea che le grandi potenze hanno il diritto di imporre cosa fare ai piccoli Paesi", ha aggiunto il segretario Generale della NATO. 

Jens Stoltenberg ha ribadito inoltre le accuse alla Russia di "trascurare" le norme ed i regolamenti, che, a suo avviso, hanno portato allo stralcio del Trattato sulla distruzione dei missili a medio e corto raggio (Trattato Inf).

"Solo pochi giorni fa lo sprezzo della Russia di norme e regolamenti ha portato alla morte di uno dei principali pilastri del regime di controllo degli armamenti dopo la fine della guerra fredda, il trattato Inf", ha dichiarato Stoltenberg.

Secondo il segretario della Nato, "i nuovi missili russi sono mobili, sono difficili da rilevare, riducono il tempo di avvertimento a diversi minuti e abbassano la soglia per l'uso di armi nucleari in un conflitto armato". "Questo rende il mondo meno sicuro per tutti noi", ha detto Stoltenberg.

Ieri Jens Stoltenberg, in visita in Nuova Zelanda, aveva preso di mira la Russia con accuse relative a Crimea, ingerenze in altri Paesi, ma anche a Siria, Cina e trattato Inf.

Tags:
Europa orientale, Russia, USA, NATO, Jens Stoltenberg
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik