Widgets Magazine
06:36 26 Agosto 2019
L'effigie di Donald Trump

Trump: "l'Iran non ha mai vinto una guerra, ma non ha mai perso una negoziazione"

© AP Photo / Ebrahim Noroozi
Politica
URL abbreviato
L'escalation delle tensioni tra USA e Iran (69)
2310

La dichiarazione arriva dopo che il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha twittato lunedì che l'Iran aveva respinto la sua proposta di visitare Teheran per rivolgersi al popolo iraniano.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato su Twitter che nonostante l'Iran non abbia mai vinto una guerra, la Repubblica islamica "non ha mai perso una trattativa". 

Le osservazioni sono seguite alle discussioni del segretario di Stato americano Mike Pompeo lunedì secondo cui l'Iran non ha accettato la sua offerta di andare a Teheran e rivolgersi al popolo iraniano.

"Recentemente mi sono offerto di recarmi a Teheran e parlare direttamente al popolo iraniano. Il regime non ha accettato la mia offerta", ha twittato Trump.

L'interesse nei negoziati da entrambe le parti

​La scorsa settimana Trump ha ammesso che "sta diventando più difficile per me fare un accordo con l'Iran", facendo riferimento probabilmente al nuovo accordo per sostituire l'accordo nucleare iraniano del 2015, noto anche come Piano d'azione congiunto globale (PACG).

Pompeo aveva sottolineato che Trump è interessato ai negoziati con l'Iran ma che vuole vedere anche un cambiamento nel "comportamento" di Teheran.

Brian Hook, rappresentante speciale USA per l'Iran, da parte sua, ha sostenuto che Trump è sincero nelle sue aperture in Iran per negoziare un nuovo accordo nucleare. Hook ha aggiunto che Trump sarebbe felice di sedersi con la leadership iraniana sebbene Teheran abbia respinto la diplomazia in molte occasioni.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, a sua volta, ha segnalato la volontà di Teheran di dialogare con gli Stati Uniti, ma ha sottolineato che Washington dovrebbe prima revocare le sanzioni contro la Repubblica islamica.

"Siamo sempre pronti per le negoziazioni. Vi dico ora e in questo momento di abbandonare il bullismo, revocare le sanzioni e tornare alla logica e alla saggezza. Siamo pronti", ha sottolineato Rouhani all'inizio di questo mese.

Ha aggiunto che l'Iran ha spostato il suo approccio da "pazienza strategica" a "azione reciproca" e avrebbe risposto specularmente  a qualsiasi azione di Washington relativa all'accordo nucleare.

L’accordo sul nucleare con l’Iran

Quattro anni fa, il 14 luglio 2015, il gruppo 5+1 (Gran Bretagna, Germania, Cina, Russia, Stati Uniti, Francia) e l'Iran hanno annunciato il raggiungimento di un Piano d'azione congiunto globale (PACG). L'accordo prevedeva la revoca delle sanzioni in cambio della limitazione del programma nucleare iraniano. L'accordo non è durato molto nella sua forma originale, infatti, a maggio 2018, gli Stati Uniti hanno annunciato il ritiro unilaterale da esso e il ripristino di severe sanzioni contro la Repubblica Islamica.

In occasione della ricorrenza annuale del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo, l'8 maggio l'Iran ha annunciato la fine dell'attuazione di una serie di misure sul programma nucleare iraniano, in termini di riduzione della produzione di uranio arricchito e acqua pesante. L'Iran ha superato il limite massimo di riserve di uranio arricchito di 300 chilogrammi.

Successivamente, le autorità di Teheran hanno annunciato una seconda fase di riduzione degli obblighi derivanti dall'accordo nucleare dopo che i paesi membri del PACG non sono stati in grado di soddisfare le richieste di Teheran entro i 60 giorni precedentemente stabiliti. Secondo recenti rapporti, l'Iran ha già aumentato il livello di arricchimento dell'uranio al 4,5% (l'accordo nucleare aveva fissato un limite del 3,67%).

Tema:
L'escalation delle tensioni tra USA e Iran (69)

Correlati:

Pompeo: non stabilisco scadenze per un nuovo accordo con l'Iran
Iran annuncia intenzione di riavviare reattore ad acqua pesante
Media: l'Iran offre alla Russia la possibilità di ridurre l'influenza degli USA in Medio Oriente
Tags:
Donald Trump, Hassan Rouhani, Mike Pompeo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik