Widgets Magazine
04:58 24 Agosto 2019
Boris Johnson

Boris Johnson: il sostegno al backstop è antidemocratico, impedisce progressi sulla Brexit

© AFP 2019 / Adrian Dennis
Politica
URL abbreviato
111

Johnson, convinto sostenitore della Brexit durante la campagna del 2016, ha promesso di guidare il Paese fuori dall'Unione Europea dopo essere diventato leader del Partito conservatore e primo ministro britannico all'inizio di questa settimana.

Il nuovo capo del governo britannico ha dichiarato sabato che il “backstop” irlandese è "antidemocratico e divisivo" e ha avvertito l'UE che dovrà essere abbandonato se Bruxelles vorrà ottenere un accordo con Londra.

"Se ci liberiamo del backstop una volta per tutte, faremo molti progressi", ha spiegato Johnson.

Ha dichiarato che "riprendere il controllo" del paese non significa solo più potere per Londra, ma anche altre città britanniche. Johnson ha ribadito la sua intenzione di lasciare l’UE entro la scadenza del 31 ottobre e ha sottolineato che non è un grande sostenitore di una Brexit senza accordo (no deal Brexit), ma ha sottolineato che Londra dovrebbe essere pronta anche a questo.

Il politico ha anche osservato che lasciare l'UE è "una grande opportunità economica" per il Regno Unito, ma che è stato trattato come "un imminente evento meteorologico avverso" dal precedente primo ministro, Theresa May. Secondo lui, la Gran Bretagna creerà porti liberi e cambierà le regole fiscali per attrarre più investimenti e dare una nuova spinta all'economia.

Le accuse di Barnier 

Il capo della squadra negoziale dell'UE sulla Brexit, Michel Barnier, ha precedentemente denunciato Johnson per aver chiesto la rimozione del backstop irlandese e ha invitato i diplomatici europei a unirsi contro il Primo Ministro britannico.

Il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha anche osservato che una hard Brexit potrebbe minare l'unità della Gran Bretagna e allontanare la Scozia e l'Irlanda del Nord da Londra.

Cos’è il backstop per la frontiera irlandese

Il "backstop" per la frontiera irlandese è un meccanismo per garantire che non ci saranno confini rigidi tra la Repubblica irlandese e l'Irlanda del Nord se le parti non dovessero riuscire ad accordarsi su tutti i termini del loro accordo entro la fine del periodo di transizione della Brexit.

Il backstop stabilisce specificatamente che il Regno Unito e l'UE formano un unico territorio doganale, il che assicurerebbe un commercio senza dazi.

A.N.

Correlati:

Commercio, Boris Johnson sceglie la Cina?
Boris Johnson promette: “Vera Brexit entro il 31 ottobre”
#NotMyPM: reazione dei social alla nomina di Boris Johnson come premier britannico
Tags:
Boris Johnson
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik