Widgets Magazine
15:05 24 Agosto 2019
Polemica social - Salvini Macron

Salvini a Macron: l’Italia non è la tua dama di compagnia

© Foto : Facebook common free © AFP 2019 / Andreas Solaro © Sputnik . Alexey Vitvitsky
1 / 3
Politica
URL abbreviato
826913

Perentorio il videomessaggio pubblicato sui social dal Ministro degli Interni rivolto al Presidente francese - “Vuoi i porti aperti? Apri Marsiglia, la Corsica e magari anche il confine di Ventimiglia”

Il messaggio pubblicato da Matteo Salvini ieri sera su tutti i social è chiaro. Talmente chiaro che non serve riassumere nulla, pubblichiamo la versione integrale semplicemente trascrivendo le parole pronunciate:

"Il Ministro dell’Interno si dovrebbe occupare di Macron che ci ha convocati tutti a Parigi per firmare un documento in base al quale le navi che trasportano immigrati devono arrivare in Italia. Sì, alla tua salute Emmanuel! (mandando giù un caffè). Si è stupito perchè non ho firmato il documento e non sono andato a Parigi. Ma guarda un po’. Ma guarda che stranezza. A parte il fatto che nessun ministro è andato a Parigi perchè non è che Parigi sia il centro del mondo e Macron sia il novello Napoleone che convoca, invita, diffida, minaccia, insulta. Amico mio! Hai già qualche problemino in casa tua, mi sembra, quindi occupati e preoccupati dei problemi e delle richieste dei francesi e l’Italia non sarà mai il tuo campo profughi. Vuoi i porti aperti? Ma c’è il porto di Marsiglia, ci sono i porti della Corsica, c’è una Francia enorme, solidale, generosa e accogliente che dipende dalle tue parole, dalle tue leggi e dalle tue decisioni, non venire a stressare noi. Se pretendi che noi si firmi un documento dove le navi arrivano nel porto più vicino, cioè in Italia, e poi dopo si decide eventualmente si decide dove va questa gente allora hai sbagliato a capire, hai trovato il Ministro sbagliato, il partito sbagliato e il Paese sbagliato. Perchè gli italiani non sono più disponibili ad essere colonia di nessuno, essere servi di nessuno, essere schiavi di nessuno. Per questo che non ho capito il sostegno dei 5 Stelle alla nuova Commissaria europea imposta da Macron e dalla Merkel. Non è esattamente l’Europa del futuro che ho in testa dove la Merkel e Macron decidono tu vai qui, tu vai là, tu vai qui, tu vai là e gli altri firmano. No, non mi interessa se in ballo c’è qualche poltrona. Non svendo il mio Paese la mia dignità, il mio futuro e la possibilità di cambiare le regole di questa Europa per il bene dei miei figli in cambio di una poltrona. Quindi le convocazioni a Parigi del Signor Macron, o son fatte per un motivo condiviso e con educazione, altrimenti non siamo dame di compagnia di nessuno. Se vuoi aprire i porti, apri i porti francesi e magari apri anche il confine di Ventimiglia dove le autorità francesi continuano a respingere, respingere e respingere... e in passato anche ad abbandonare nottetempo nei boschi immigrati tra Francia e Italia".

Chiari e sostanziali quindi i riferimenti alla sovranità nazionale, alle tensioni con i 5 Stelle e le accuse, affatto velate, incrociate. Non è difficile prevedere che la querelle tra i due politici europei sia destinata a proseguire.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik