Widgets Magazine
19:34 22 Agosto 2019

Raab: Brexit sarà effettuata entro fine ottobre

© AFP 2019 / Ben Stansall
Politica
URL abbreviato
112

Il Regno Unito uscirà dall’UE entro la fine di ottobre, ha affermato Dominic Raab, nuovo ministro degli Esteri britannico, ribadendo le dichiarazioni del nuovo premier Boris Johnson.

"La cosa più importante è il ritiro del Regno Unito dall'Unione Europea entro la fine di ottobre, preferibilmente con un accordo. In ogni caso, dobbiamo completare il processo Brexit", ha detto Raab ai giornalisti.

Mercoledì sera, l'ex ministro della Brexit Raab è stato nominato ministro degli Esteri e vice primo ministro. Immediatamente dopo la sua nomina, Raab è arrivato all'edificio del Ministero degli Esteri, situato vicino alla residenza del Primo Ministro.

"La regina è lieta di approvare Raab alla nomina di ministro degli Affari Esteri e del vice primo ministro”, l'ufficio della regina Elisabetta cita la sua lettera.

Il predecessore di Raab alla carica di ministro degli esteri, Jeremy Hunt, che si è candidato per il posto di leader dei Tory è stato sconfitto da Boris Johnson.

L’ex primo ministro britannico Theresa May si è dimessa dalla guida del Partito Conservatore il 7 giugno scorso, ma aveva annunciato questa svolta già alla fine di maggio, costretta a farlo dai membri del partito conservatore e del Consiglio dei Ministri, scontenti del rinnovato accordo con l'Ue sulla Brexit.

In un'intervista al Sunday Telegraph Boris Johnson aveva dichiarato di non bleffare, sostenendo che il Regno Unito potrebbe lasciare l'Unione Europea il 31 ottobre senza un accordo con Bruxelles. Secondo Johnson, coloro che non sono disposti ad accettare la "hard Brexit" (uscita del Regno Unito dalla Ue senza accordo - ndr) in realtà non vogliono affatto che il Paese lasci la Ue.

Correlati:

Non ci sarà revisione accordo Brexit - UE
Ministro britannico: Brexit senza accordo priverà Londra dell'influenza su politica commerciale UE
Politica commerciale USA e Brexit principali rischi per economia europea - Eurocommissione
Tags:
Brexit, UE, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik