Widgets Magazine
04:11 24 Agosto 2019
Il ministro delle Infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli

Parlamento scatenato: bagarre tra Toninelli e il PD durante il Question Time

Alberto Pizzoli
Politica
URL abbreviato
309

Proteste, urla e insulti tra i parlamentari del PD e il ministro dei Trasporti Toninelli costringono il presidente Rosato a sospendere la seduta.

In Parlamento non le mandano a dire, e quella di oggi non è stata una giornata facile. In mattinata era già scoppiato il caos, fra 5 Stelle e PD, per le presunte parole pronunciate da Andrea Romano, che avrebbe detto alla presidente della commissione Giustizia di non poter presiedere per la sua condizione di gravidanza. 

La battaglia è continuata durante il question time. A scatenare la bagarre di nuovo i deputati del PD con l'onorevole Sara Moretto, che ha concluso il suo intervento dicendo al ministro pentastellato: "ricordi al suo collega Salvini che non può continuare a scappare dal parlamento e che lo aspettiamo qui, perché ci spieghi i suoi rapporti con la Russia". A quel punto i colleghi di partito si sono alzati in piedi mostrando al ministro dei 5 Stelle un cartello che riportava la scritta "Salvini cosa nascondi?".

"Come giustamente il Partito Democratico contesta e può contestare iniziative del Governo, non vedo come possa accettare una persona che pochi minuti fa ha dichiarato che una donna incinta non può presiedere", ha reagito Toninelli riferendosi a Romano e a quanto accaduto la mattina in aula.

Parole che i parlamentari del PD hanno preso come pretesto per insorgere. Dimenticando le domande poste durante le interrogazioni, ovvero la possibile revoca della concessione autostradale ad Atlantia contemporanea alla scelta di Atlantia come partner di FS nella newco Alitalia, hanno abbandonato le poltrone e occupato la sala parlamentare, costringendo il presidente Rosato a sospendere la seduta. 

Quanto è tornata la (relativa) calma, Toninelli ha riposto alle opposizioni del PD, e nello specifico alla questione della revoca della concessione di Atlantia, dicendo che concessione autostradale e costituzione di un vettore unico nazionale, un polo intermodale che integri trasporto aereo e ferroviario, sono due cose diverse, che non confliggono tra loro.

“Inizia ora una nuova fase per la nostra compagnia di bandiera ma voglio sia chiaro che non abbiamo cambiato linea su Atlantia. Neghiamo con forza ogni ipotesi di baratto con le sorti delle concessioni autostradali. Sulla revoca delle concessioni autostradali andiamo avanti" ha detto il ministro. 

"Si sciacqui la bocca prima di parlare del PD", hanno risposto i colleghi di Romano dai banchi. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik