Widgets Magazine
11:29 22 Luglio 2019
Corridoio umanitario di Abu Duhur nella provincia di Idlib (foto d'archivio)

Fonte: Russia ha bloccato dichiarazione su Siria al Consiglio di Sicurezza ONU

© Sputnik . Basel Shartouh
Politica
URL abbreviato
4251

La Russia non ha appoggiato l'appello a nome dell'intero Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di esortare le parti al conflitto in Siria ad attenersi e confermare il cessate il fuoco, ha riferito a Sputnik una fonte nel Consiglio di Sicurezza.

La dichiarazione preparata dalla "troika umanitaria" - Belgio, Germania e Kuwait – invitava tutte le parti a tornare al pieno rispetto dell'accordo di cessate il fuoco siglato tra Russia e Turchia, sottolineando la necessità di "consegnare alla giustizia i trasgressori del diritto internazionale e che qualsiasi ritorno dei profughi in patria sarebbe dovuto avvenire in condizioni di sicurezza e su base volontaria e dignitosa."

Come rivelato a Sputnik da un'altra fonte, la Russia non ha sostenuto questa dichiarazione perché la considera ridondante in presenza di un memorandum.

"Tutti conoscono le posizioni delle parti su questo tema, non sono necessarie dichiarazioni separate", ha detto l'interlocutore dell'agenzia.

I colloqui tra i presidenti di Russia e Turchia, Paesi garanti della tregua in Siria, si erano svolti a Sochi il 17 settembre 2018. A margine dei colloqui i ministri della Difesa dei due Paesi avevano firmato un memorandum per la stabilità nella zona di de-escalation ad Idlib ed avevano concordato la creazione di una zona smilitarizzata.

Correlati:

Cremlino smentisce accordo con USA e Israele sulla Siria
Tags:
profughi, Kuwait, Belgio, Germania, Politica Internazionale, Idlib, Tregua in Siria, Siria, crisi in Siria, Consiglio di Sicurezza ONU, ONU, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik