Widgets Magazine
16:04 19 Agosto 2019
La sede del Parlamento europeo a Bruxelles

L’allarme dei professori: gli spagnoli non sono interessati alle elezioni europee e fanno male

© AP Photo / Francisco Seco
Politica
URL abbreviato
0 02

Secondo le indagini Ipsos il 45% dei cittadini spagnoli non mostra interesse rispetto alle elezioni al Parlamento europeo, che si svolgono in questi giorni, e solo il 12% è molto interessato all’argomento.

Hanno commentato la situazione il Dott. Santiago Niño Becerra, economista spagnolo, professore del dipartimento di struttura economica dell’Università Ramon Llull a Barcellona, e il Dott. Carlos Vidal Prado, professore del dipartimento di diritto costituzionale all’UNED, l’università telematica nazionale spagnola.

Il Dott. Becerra spiega il motivo del disinteresse degli spagnoli: “per la maggior parte della popolazione (le elezioni al Parlamento europeo) non sono importanti perché non sanno quali conseguenze potrebbero avere”. Infatti sul tavolo “c’è molto non solo per l’economia spagnola, ma anche per quella europea”.

“Per la Spagna sono importanti proprio le elezioni europee perché saranno loro a determinare i nuovi organi di controllo europei che decideranno cose veramente importanti, nel particolare la configurazione dei conti statali. Ricordiamoci che in Spagna ci sono problemi enormi con il deficit del budget statale”, avverte il professore.

Il Dott. Vidal Prado spiega: “è vero che i cittadini continuano a percepire le istituzioni europee come qualcosa di lontano, ma lo fanno sempre più raramente in quanto sono consapevoli che molte delle decisioni che influenzano la nostra vita quotidiana sono prese a livello europeo”.

“Ci troviamo in un momento critico per via della questione Brexit e la crescita dei partiti antieuropeo, o comunque euroscettici”, aggiunge.

“Per i cittadini dell’Europa è sul tavolo l’Unione Europa in quanto progetto, come era stato ideato dai suoi fondatori”.

“I gruppi politici che sono convinti dei valori dell’UE devono trasmettere meglio e in modo più efficace queste convinzioni, agire in modo più trasparente ed essere capaci di accordare le proprie azioni con i veri interessi dei cittadini”, chiede il Dott. Vidal Prado.

Secondo il professore, invece “i populisti e i partiti radicali che ripudiano il progetto dell’integrazione europea devono mettere da parte la demagogia e trasformare le proprie lamentele in proposte che possano aprile possibilità per il miglioramento del funzionamento delle istituzioni europee. La critica va bene se è costruttiva, e non distruttiva”.

“(In Spagna) noi dobbiamo molto all’UE e se vogliamo influire sullo sviluppo del funzionamento delle istituzioni europee dobbiamo avere un approccio serio a cose come le elezioni al Parlamento europeo”, conclude.

Correlati:

Juncker: europei, volgete le spalle ai radicali di destra
Per sopravvivere l’Europa deve cambiare - ministro Esteri spagnolo
Se Berlusconi vincerà le elezioni, la Russia tornerà ad avere un alleato chiave in Europa
Tags:
Politica europea, Sondaggi, Spagna, Europa, UE, Elezioni europee 2019
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik