Widgets Magazine
22:41 23 Agosto 2019
Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz

Cancelliere austriaco: l'UE è costantemente in crisi

© AP Photo / Burhan Ozbilici
Politica
URL abbreviato
132

Negli ultimi anni, l'UE è costantemente in uno stato di crisi, quindi ha bisogno di un nuovo trattato di Lisbona in grado di rispondere alle sfide attuali, scrive il cancelliere austriaco Sebastian Kurz nel suo articolo per il Frankfurter Allgemeine. In particolare, l'UE dovrebbe prendere provvedimenti contro i paesi che minacciano la stabilità finanziaria dell'Unione, così come quelli che violano i suoi principi democratici fondamentali. Inoltre, Kurz ha suggerito la riduzione del numero dei commissari e l'eliminazione di un gran numero di regolamenti comunitari che hanno perso la loro rilevanza.

L'Unione europea è la più grande conquista del ventesimo secolo, scrive il cancelliere austriaco Sebastian Kurz nel suo articolo per Frankfurter Allgemeine. Tuttavia, per quanto grandiosa sia questa idea, è altrettanto tendente ad andare in crisi: finanziaria, migratoria, climatica. Come osserva Kurz, l'UE è quasi sempre in uno stato di crisi.

Secondo il cancelliere austriaco, l'attuale base dell'UE, il trattato di Lisbona, non è in grado di rispondere alle crisi, poiché questo trattato è stato elaborato durante gli anni di crisi: pertanto, le prossime elezioni europee sono un momento opportuno per trarre insegnamenti dal passato e creare per l'Unione europea nuova fondazione.

Kurz ha osservato che la situazione attuale, quando alcuni paesi stanno risparmiando per portare a termine le necessarie riforme, mentre altri stanno accumulando debiti e sperando in una soluzione a Bruxelles, è inaccettabile. Pertanto, il nuovo trattato UE dovrebbe prevedere misure contro tali paesi, anche con sanzioni.

Inoltre, il leader austriaco ha sottolineato la necessità di migliorare la sicurezza delle frontiere esterne dell'UE: tutti i migranti in arrivo devono essere registrati e l'immigrazione clandestina deve essere fermata. Kurz scrive che il caos del 2015 non può ripetersi.

Il cancelliere austriaco osserva con rammarico che recentemente si sono verificate violazioni nell'Unione europea nel campo della democrazia e dello stato di diritto. Propone che il nuovo trattato contenga implicazioni giuridiche per i paesi che non condividono i valori fondamentali dell'UE.

Tra le altre cose, Kurz ha proposto cambiamenti specifici, come la cessazione dei viaggi permanenti del Parlamento europeo da Bruxelles a Strasburgo e una riduzione del numero di commissari europei. Inoltre, il politico ha proposto di abrogare almeno 1000 regolamenti UE, che hanno perso la loro rilevanza.

Kurz ha rilevato l'importanza che l'Europa mantiene allo stesso tempo la sua competitività globale, preservando allo stesso tempo l'ambiente. Ha espresso fiducia che ciò è possibile, osservando che l'innovazione è la chiave per risolvere un simile dilemma: in particolare, l'Europa deve adottare fonti di energia rinnovabili e veicoli rispettosi dell'ambiente in maniera più intensa.

"Le nostre generazioni precedenti sono riuscite a ricostruire l'Europa dopo la seconda guerra mondiale, a sopravvivere alla guerra fredda e a creare il più grande progetto di pace della storia. Ci rimane soltanto volerlo e saremo anche in grado di garantire che l'ordine regni in Europa, e non regole prive di significato ", ha affermato Kurz.

 

Correlati:

In Austria stimati i danni delle sanzioni UE antirusse
Terremoto politico in Austria, le reazioni della stampa nazionale e internazionale
Austria, il vicecancelliere si dimette dopo video-scandalo sui legami con la Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik