21:57 10 Dicembre 2019
Ministro Esteri ucraino Pavlo Klimkin

Ultimatum di Kiev all'UE sulle sanzioni contro la Russia

© AP Photo / Sergei Chuzavkov
Politica
URL abbreviato
6530
Seguici su

Kiev rinuncerà alla realizzazione degli accordi di Minsk se i Paesi europei indeboliranno la pressione sanzionatoria su Mosca, ha dichiarato il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin.

"Se ora, dopo che la Russia ha iniziato a rilasciare passaporti agli abitanti del Donbass, l'Europa si avvicinerà a Mosca, andrà in fumo l'intera logica di ciò che abbiamo fatto finora", ha sostenuto il capo della diplomazia ucraina in un commento per il portale locale Ukrainskaya Pravda.

Come osservato dal media, Klimkin aveva rilasciato una dichiarazione simile a Bruxelles in un incontro con i ministri degli Esteri dei Paesi membri dell'Unione Europea.

Secondo il capo del dicastero diplomatico di Kiev, l'indebolimento del regime di sanzioni dell'Unione europea "ucciderà Minsk".

Alla fine dello scorso mese Vladimir Putin aveva firmato un decreto che garantisce la procedura semplificata per l'ottenimento dei passaporti russi da parte dei residenti di alcuni distretti delle regioni ucraine di Lugansk e Donetsk.

Secondo il capo di Stato russo, la questione è di natura puramente umanitaria, Mosca non ha alcun desiderio di creare problemi a Kiev, ma la situazione dei diritti civili nel Donbass supera i limiti del consentito.

Questa decisione ha scatenato la dura opposizione di Kiev. In particolare Klimkin ha promesso di reagire con una "sorpresa" ed ha inoltre rivolto un appello ai ministri degli Esteri del G7 per chiedere nuove sanzioni contro la Russia.

Tuttavia l'Unione Europea ha rifiutato di adottare nuove misure afflittive nei confronti di Mosca.

Tags:
Pavlo Klimkin, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, sanzioni antirusse, Russia, Conflitto nel Donbass, Donbass, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik