Widgets Magazine
11:31 18 Agosto 2019

USA pronti a reagire ad azioni ostili dell'Iran

© AFP 2019 /
Politica
URL abbreviato
6014

Contemporaneamente il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha osservato che Washington accoglierebbe con favore l'opportunità di condurre consultazioni su iniziativa di Teheran.

Gli Stati Uniti irrobustiscono le forze in Medio Oriente nel caso in cui l'Iran cerchi di danneggiare gli interessi americani, ciononostante Washington è disponibile a consultazioni con Teheran. Lo ha affermato il segretario di Stato americano Mike Pompeo in un'intervista sul canale televisivo della CNBC.

Parlando dell'invio di forze aggiuntive nella regione, il segretario di Stato ha dichiarato: "abbiamo intrapreso le misure necessarie per rafforzare, per quanto possibile, la nostra sicurezza nella regione".

Ha evidenziato che gli Stati Uniti hanno bisogno di "forze di deterrenza nel caso in cui l'Iran decida di danneggiare gli interessi americani in Iraq, Afghanistan o Yemen, o in qualsiasi parte nel Medio Oriente".

Come sottolineato da Pompeo, il presidente Donald Trump "voleva assicurarsi che, in caso accadesse qualcosa," gli Stati Uniti "sarebbero stati pronti a dare una risposta adeguata".

"Nel caso di un attacco agli interessi degli Stati Uniti da parte delle forze di Teheran, sia iraniane che filo-iraniane, la faremo pagare", ha spiegato Pompeo. "Il presidente Trump è stato chiaro. La nostra risposta sarà adeguata."

"Non permetteremo errori, il nostro obiettivo non è la guerra, ma un cambio di comportamento della leadership iraniana", ha aggiunto Pompeo. "Speriamo che il popolo iraniano possa finalmente ottenere quello che vuole e che pienamente merita".

Allo stesso tempo Pompeo non ha escluso che gli Stati Uniti potrebbero essere disposti a condurre consultazioni su iniziativa di Teheran.

"Certo, gradiremmo un'iniziativa simile", ha assicurato. Secondo Pompeo, gli Stati Uniti "vorrebbero risolvere diplomaticamente e pacificamente" i conflitti in cui, secondo Washington, è coinvolto l'Iran.

Correlati:

L'Europa deve sostenere l'Iran per evitare nuova guerra nel Golfo Persico
Berlino segnala stretti contatti con Russia e Cina sul nucleare iraniano
In Qatar atterrato bombardiere strategico americano B-52 per deterrenza contro l'Iran
Portaerei americana “Abraham Lincoln” attraversa il Canale di Suez
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, esercito USA, situazione in Medio Oriente, Medio Oriente, Iran, USA, Mike Pompeo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik