10:03 11 Dicembre 2019
Un missile nucleare USA disattivato, Titan II, in un museo in Arizona

Media: Russia propone a USA di prevenire possibilità di guerra nucleare

© AFP 2019 / BRENDAN SMIALOWSKI
Politica
URL abbreviato
0 152
Seguici su

La Russia ha proposto agli USA di concludere un accordo di prevenzione di guerra nucleare, senza ricevere però alcuna risposta. Lo scrive il Kommersant citando le proprie fonti.

Secondo i dati del quotidiano Mosca ha proposto il progetto per il documento a Washington a ottobre 2018. Nell’annuncio si osservava che in questo tipo di guerra non ci sarebbero vincitori e che dunque uno scontro del genere non dovrebbe mai essere scatenato.

Pertanto, la parte russa ha proposto di adottare tutte le misure necessarie per impedire l'uso intenzionale e/o accidentale di armi nucleari. Mosca ha aspettato una risposta per sei mesi.

Una portavoce dell'ambasciata americana in Russia ha dichiarato che Washington "rimane impegnata in un efficace controllo degli armamenti".

All'inizio di febbraio, gli Stati Uniti hanno segnalato violazioni del Trattato sui missili a medio e corto raggio da parte della Russia (il documento non consente lo schieramento di missili balistici a terra e missili da crociera con un raggio da 500 a 5,5 migliaia di chilometri) e ha riferito l'inizio della procedura di ritiro dall'accordo.

Vladimir Putin ha detto che Mosca avrebbe risposto specularmente sospendendo la partecipazione al trattato. Ha anche osservato che tutte le proposte di disarmo della Russia "rimangono sul tavolo e che le porte sono aperte" e che Mosca non sarà trascinata in una costosa corsa agli armamenti.

Correlati:

"Denuclearizzazione guidata tattica": perché la Corea del Nord mette in mostra nuove armi?
Osservatrice Foreign Policy: le donne salveranno il mondo dall’apocalisse nucleare
“L'alleanza nucleare" della NATO interferisce con la sicurezza del mondo
Tags:
Sviluppo armamenti nucleari, Controllo degli armamenti, corsa agli armamenti, armamenti, Armamenti, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik