Widgets Magazine
21:39 23 Luglio 2019
Segretario di Stato USA Mike Pompeo

Pompeo: “bisognerebbe includere la Cina nel Trattato START”

© REUTERS / Carlos Barria
Politica
URL abbreviato
215

Washington ritiene che la Cina dovrebbe essere inclusa nel trattato strategico sulle armi offensive (START), ha dichiarato il segretario di Stato americano Mike Pompeo mercoledì.

"Dobbiamo assicurarci che vengano incluse tutte le parti interessate in questo trattato... Altri paesi, oltre agli Stati Uniti e la Russia. Forse non ci riusciremo, forse finirà tutto con il fatto che lavoreremo solo con I russi sono su questo, ma se parliamo di potenziale nucleare, quindi dal punto di vista di una minaccia per gli Stati Uniti, la situazione è cambiata molto", ha detto in un’udienza al Senato degli Stati Uniti.

Rispondendo a una domanda aggiuntiva, Pompeo ha chiarito che intendeva la Cina.

Il trattato sulla riduzione delle armi strategiche offensive, firmato dalla Russia e dagli Stati Uniti nel 2010, è entrato in vigore il 5 febbraio 2011. Esso prevede che ciascuna parte riduca i suoi arsenali nucleari in modo tale che, dopo sette anni e oltre, le quantità totali di armamenti non superino 700 missili balistici intercontinentali, missili balistici su sottomarini e bombardieri pesanti, oltre a 1.550 testate e 800 veicoli di lancio dispiegati e non dispiegati.

Correlati:

Media: senza trattato INF Giappone si trova in mezzo a confronto USA-Cina
La Russia propone alla Cina di partecipare ai negoziati sul Trattato INF con gli USA
Ministero Esteri: Cina non tollera ricatto USA su adesione a Trattato INF
Tags:
disarmo nucleare, disarmo, disarmo, Relazioni USA-Cina, relazioni, relazione, Russia, USA, trattato Start, Mike Pompeo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik