Widgets Magazine
05:35 19 Luglio 2019
Le bandiere di Regno Unito e UE

Capo diplomazia britannica avverte il Parlamento: no all'accordo può fermare la Brexit

© REUTERS / Jon Nazca
Politica
URL abbreviato
230

Il ministro degli Esteri del Regno Unito Jeremy Hunt ha inoltre aggiunto che se il Parlamento boccerà l'accordo, le conseguenze per i conservatori saranno devastanti.

La bocciatura da parte del Parlamento britannico della bozza di accordo sulle condizioni per l'uscita dalla UE potrebbe fermare la Brexit. Lo ha sostenuto oggi sulla Bbc il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt.

"Se volete fermare la Brexit, bisogna fare solo tre cose: affossare questo accordo, ottenere un rinvio e svolgere un secondo referendum", ha detto sottolineando che i primi due punti possono essere implementati durante il tempo che resta prima della Brexit mentre l'organizzazione di un nuovo referendum potrebbe irrompere all'ordine del giorno grazie ai laburisti.

"Ci troviamo in una situazione molto pericolosa", ha aggiunto.

Hunt ha risposto affermativamente alla domanda se sia certo che il voto per la ratifica dell'accordo sulla Brexit avverrà martedì prossimo. Secondo il ministro, in caso di una nuova bocciatura da parte del Parlamento dell'accordo raggiunto con Bruxelles, "le conseguenze per il partito conservatore saranno devastanti".

"Ora abbiamo l'opportunità di uscire dalla UE il 29 marzo o poco dopo questa data. E' molto importante approfittare di questa opportunità, perché la situazione sta evolvendo in favore di chi cerca di fermare la Brexit", ha dichiarato Hunt ai suoi colleghi del partito conservatore.

Correlati:

GB, ministro su posticipo Brexit: opzione fattibile
Presidente del Parlamento europeo: possibilità Brexit all'inizio di luglio
Scadenza Brexit, fuga da Gb: Milano tra le 10 città più ambite
Theresa May promette voto sull'accordo per la Brexit entro 12 marzo
Il parlamento britannico boccia tutti i nuovi emendamenti al documento Brexit
Tags:
politica interna, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Brexit, Unione Europea, Jeremy Hunt, Gran Bretagna, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik