08:51 09 Agosto 2020
Politica
URL abbreviato
308
Seguici su

Israele considera un teatro assurdo un rapporto delle Nazioni Unite sui possibili crimini di guerra delle forze di sicurezza israeliane. Lo ha annunciato giovedì 28 febbraio il ministro a interim degli affari esteri dello stato ebraico, Yisrael Katz, riferisce Reuters.

Secondo lui, il rapporto delle Nazioni Unite è "ostile, ingannevole e diffamatorio" e diretto anche contro il paese. "Nessuno può negare a Israele il diritto all'autodifesa e il dovere di proteggere i suoi cittadini e i suoi confini da attacchi violenti", ha affermato Katz.

Il rapporto del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite è stato distribuito prima del 28 febbraio. Dichiara che le forze di sicurezza israeliane probabilmente hanno commesso crimini di guerra e crimini contro l'umanità nel 2018. Questi sarebbero dovuti all'uccisione di 189 palestinesi, così al ferimento di più di 6100 persone durante le proteste nella Striscia di Gaza.

Il documento rileva che alcuni funzionari della sicurezza hanno ucciso e gravemente ferito i manifestanti palestinesi che "non partecipavano direttamente agli scontri e non rappresentavano una minaccia" quando usavano la forza. L'ONU invita Israele a lanciare immediatamente un'indagine su proprio queste violazioni, che potrebbero essere crimini di guerra o crimini contro l'umanità. È indicato che tra i morti ci sono 35 bambini, due giornalisti e tre operatori sanitari.

Il rapporto copre il periodo dal 30 marzo al 31 dicembre 2018. Si noti che per la sua preparazione, gli esperti hanno intervistato vittime e testimoni, esaminato cartelle cliniche, nonché materiale fotografico e video.

Lo stato ebraico giustifica le sue azioni citando la protezione dalle incursioni e dagli attacchi dei militanti armati.

Il 25 febbraio è stato riferito che l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sviluppato un piano per un trattato di pace per risolvere il conflitto israelo-palestinese. È stato osservato che il documento affronterà tutti i problemi chiave del conflitto. La libertà di circolazione è stata definita uno dei principi fondamentali: i confini nella loro forma attuale dovrebbero cessare di esistere per "garantire la libera circolazione di persone e merci".

Il conflitto al confine con la Striscia di Gaza si è intensificato a marzo 2018, quando una protesta pacifica, programmata per il giorno della Nakba, il giorno in cui si ricorda l'esodo dal territorio in cui lo Stato d'Israele fu creato nel 1948, è sfociata in rivolte e scontri di manifestanti con le truppe israeliane. Le proteste si sono intensificate in connessione con l'apertura dell'ambasciata statunitense a Gerusalemme il 14 maggio. In autunno, l'aviazione israeliana ha attaccato Gaza in risposta agli attacchi missilistici.

Correlati:

Accordo tra ONU, Siria e Israele per riapertura valico di frontiera
Mosca chiede discussione raid di Francia e Israele in Siria nel Consiglio di Sicurezza ONU
Rappresentante permanente della Siria all’ONU commenta gli attacchi d’Israele
Tags:
guerra, Crimini di guerra, Guerra, ONU, Yisrael Katz, Striscia di Gaza, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook