Widgets Magazine
22:26 20 Luglio 2019
India's Border Security Force (BSF) soldiers patrol along the fenced border with Pakistan in Ranbir Singh Pura sector near Jammu February 26, 2019

India-Pakistan: la guerra non conviene a nessuno

© REUTERS / Mukesh Gupta
Politica
URL abbreviato
L'escalation nei rapporti tra India e Pakistan (32)
0 60

Pir Mohammad Mollazehi, scienziato politico iraniano, professore all'Università di Teheran, esperto dei problemi di Afghanistan, Pakistan e India:

Uno scontro tra potenze nucleari mette a rischio la sicurezza non solo dei paesi vicini nella regione ma il mondo intero.

"L'escalation dello scontro tra Pakistan e India è un eco di un conflitto storico, che vede pretese di entrambi i contendenti l'uno nei confronti dell'altro, ovvero la disputa sul diritto di possedere dei territori nel Kashmir.

A oggi i due paesi su questo territorio si sono scontrati a livello armato due volte. Il conflitto del Kargil (1999) si sarebbe potuto trasformare in una guerra regionale o in una catastrofe perché Pervez Musharraf (presidente del Pakistan durante il conflitto) dichiarò che in caso di attacco, il Pakistan avrebbe usato il suo potenziale nucleare a scopi militari.

Pertanto, ora una tale minaccia aleggia sulla regione. Se i due paesi non riusciranno a controllare le loro ambizioni politiche e le loro reciproche rivendicazioni, ciò metterà a rischio la sicurezza di tutti i paesi della regione e non solo. Dopotutto, se il potenziale nucleare di almeno uno di questi due paesi entra in azione, allora tutto il mondo ne risentirà.

È anche improbabile che ci possa essere qualche terza parte dietro questo conflitto, in quanto nessun paese ne trarrebbe beneficio. "

L'esperto è convinto che l'Iran nella situazione che si è creata non prenderà le parti di nessuno nel conflitto, ma rimarrà neutrale, e potrebbe anche essere pronto a mediare per la riconciliazione tra i due paesi. Un escalation del conflitto indo-pakistano nella fase calda danneggerebbe progetti economici multilaterali e bilaterali nella regione in cui è coinvolto l'Iran:

"Per quanto riguarda l'Iran, allora sì, nelle precedenti guerre abbiamo sostenuto il Pakistan come un paese islamico fratello. Ma ora le condizioni sono cambiate. L'Iran è diventato molto vicino all'India negli ultimi anni, soprattutto considerando che New Delhi ha investito un enorme budget nella costruzione del porto di Chabahar in Iran. Pertanto, ora in questo conflitto, l'Iran sicuramente non prenderà le parti di nessuno. Per noi è una questione molto delicata. Il progetto Chabahar è multilaterale e si può dire che è un collegamento per altri progetti importanti. Da un lato, questo è un progetto del corridoio di trasporto Nord-Sud, che riguarda gli interessi economici, in primo luogo i tre paesi Russia-Iran-India. D'altra parte, c'è il progetto cinese del One Belt — One Road, un corridoio economico cinese-pakistano al quale l'Iran partecipa. I cinesi stanno investendo un budget per la costruzione del porto di Gwadar, che è adiacente al porto iraniano di Chabahar.

Pertanto, l'Iran preferirà mantenere la neutralità qui, dal momento che terrà conto dei suoi interessi economic, nonostante il fatto che il Pakistan si aspetta il sostegno dal suo vicino islamico. Qualsiasi conflitto tra Pakistan e India è sempre a scapito dell'Iran: sia in termini di sicurezza che di economia. Ma l'Iran sarà pronto a fungere da mediatore per ridurre l'escalation del conflitto e riconciliare le due parti in conflitto ".

Tema:
L'escalation nei rapporti tra India e Pakistan (32)

Correlati:

India e Pakistan non devono farsi trascinare in una guerra
India-Pakistan: escalation militare conflitto non conviene a nessun Paese della regione
Pakistan abbatte 2 caccia dell'India nei propri cieli. VIDEO
Tags:
guerra, guerra nucleare, Guerra, Armi, Armi, Pakistan, India
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik