16:27 17 Gennaio 2020
Politica
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (433)
9014
Seguici su

Il leader dell'opposizione venezuelana e autoproclamato capo dello stato ad interim Juan Guaidò ha dichiarato che per risolvere la crisi in Venezuela bisogna prendere in considerazione qualsiasi variante.

"Le circostanze attuali mi costringono a prendere una decisione: dichiarare ufficialmente alla comunità internazionale di avere tutte le opzioni per garantire la libertà della madrepatria, che sta combattendo e continuerà a combattere. La speranza è l'ultima a morire", ha scritto Guaidò su Twitter.

Lo scorso 23 febbraio l'opposizione ha cercato di fornire assistenza umanitaria ai venezuelani. Ma Nicolas Maduro lo ha categoricamente proibito, annunciando la chiusura del confine con il Brasile e minacciando di chiudere anche quello con la Colombia.

La vicepresidente del Venezuela Delcy Rodriguez ha osservato che, in base al diritto internazionale, l'assistenza umanitaria è ammessa in caso di disastri naturali e guerre. Secondo lei, le dichiarazioni sulla crisi umanitaria sono progettate per giustificare l'invasione del Venezuela, ma il popolo non lo permetterà.

Il 23 gennaio il presidente dell'Assemblea nazionale Juan Guaidò si è autoproclamato capo dello stato ad interim. Gli Stati Uniti e i paesi dell'UE hanno riconosciuto la sua carica. La Russia e la Cina continuano a sostenere Nicolas Maduro.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (433)

Correlati:

Venezuela, Arreaza: gli USA vogliono la guerra
Un camion con gli aiuti umanitari bruciato al confine tra Colombia e Venezuela, 10 feriti
Venezuela rompe le relazioni diplomatiche con la Colombia
Tags:
crisi, risoluzione, Juan Guaidó, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik