16:26 24 Marzo 2019
Bandiera del Venezuela

Diplomatico russo all'ONU: USA preparano grande provocazione al confine venezuelano

© AP Photo / Ramon Espinosa
Politica
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (272)
6291

Gli Stati Uniti stanno preparando una sfacciata provocazione in Venezuela dietro il pretesto delle consegne di aiuti umanitari previste il 23 febbraio, ha dichiarato durante una seduta del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il vice rappresentante permanente russo all'ONU Dmitry Polyansky.

"Apparentemente con l'ansia provocatoria, i nostri colleghi americani, che stanno preparando una grande e palese provocazione sul confine colombiano-venezuelano per il 23 febbraio, si sono fatti prendere troppo ed hanno deciso di impegnarsi in insinuazioni e diffondere notizie false nel Consiglio di Sicurezza", ha detto Polyansky.

La seduta di oggi era dedicata alla situazione nella Repubblica Centrafricana e il rappresentante permanente degli Stati Uniti Jonathan Cohen, intervenuto precedentemente, aveva messo in cattiva luce la Russia in relazione ai giornalisti russi rimasti uccisi nel Paese africano ed aveva ripetuto la presunta vicenda della tortura di un commerciante da parte di istruttori militari russi.

In precedenza l'opposizione venezuelana aveva annunciato che la consegna degli aiuti umanitari sarebbe iniziata il 23 febbraio. I centri di raccolta degli aiuti si trovano nella Cucuta colombiana, nello Stato brasiliano di Roraima e nell'isola di Curaçao. Il governo di Maduro non ha intenzione di autorizzarne l'ingresso nel Paese, le autorità venezuelane hanno già chiuso il confine marittimo con le Piccole Antille.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (272)

Correlati:

Maduro: il Venezuela chiude il confine col Brasile
Maduro lega gli attacchi USA con la campagna elettorale delle prossime presidenziali
Tags:
Aiuti umanitari, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Provocazione, ONU, Dmitry Polyansky, America Latina, Venezuela, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik