Widgets Magazine
22:54 21 Agosto 2019
Juan Guaidò, Presidente dell'Assemblea Nazionale del Venezuela

Spagna Svezia e Regno Unito riconoscono Juan Guaidò presidente ad interim del Venezuela

© REUTERS / Carlos Garcia Rawlins
Politica
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (426)
4214

Le autorità spagnole hanno riconosciuto il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidò come presidente ad interim del Paese sudamericano. Lo ha annunciato oggi il premier spagnolo Pedro Sanchez.

"Il governo spagnolo annuncia che Juan Guaydo è ufficialmente riconosciuto come presidente ad interim del Venezuela", ha affermato il premier.

A sua volta la ministra degli Esteri svedese Margot Wallström ha dichiarato in un'intervista alla radio nazionale che Stoccolma considera Juan Guaidò come legittimo presidente ad interim del Venezuela.

"In questa situazione sosteniamo e ci relazioniamo con Guaidò come legittimo presidente ad interim. Il Paese è in cattive condizioni, c'è carenza di cibo e medicine, l'economia è in caduta libera, c'è l'iperinflazione e si registrano enormi problemi. Si stanno svolgendo imponenti manifestazioni".

Anche Londra ha riconosciuto Juan Guaidò come presidente ad interim del Venezuela, ha dichiarato il ministro degli Esteri britannico.

"Nicolas Maduro non ha indetto elezioni presidenziali negli otto giorni che abbiamo concesso, pertanto il Regno Unito, insieme ai suoi alleati europei, ora riconosce Juan Guaidò come presidente ad interim fino a quando non sarà possibile svolgere elezioni credibili. Si avvicina il momento della fine della crisi umanitaria", ha dichiarato il capo della diplomazia britannica Jeremy Hunt su Twitter.

​In Venezuela il 21 gennaio sono scoppiate le proteste contro il presidente in carica Nicolas Maduro. Successivamente il leader dell'opposizione Juan Guaidò si è autoproclamato capo di Stato durante il "governo provvisorio". E' stato immediatamente riconosciuto dagli Stati Uniti.

Anche il Canada, l'Argentina, il Brasile, il Cile, la Colombia, la Costa Rica, il Guatemala, l'Honduras, Panama, il Paraguay, il Perù e la Georgia hanno riconosciuto Guaidò.

Maduro ritiene che il presidente del Parlamento sia un "fantoccio di Washington". Ha inoltre accusato gli Stati Uniti del tentativo di condurre un colpo di stato. L'esercito si è schierato dalla parte del presidente legittimo Nicolas Maduro.

In una conversazione telefonica il presidente russo Vladimir Putin ha espresso il proprio sostegno a Maduro sullo sfondo dell'aggravamento della crisi interna. Altri Paesi, in particolare Cina, Turchia, Bielorussia, Indonesia, Iran e Italia, si sono rifiutati di riconoscere Guaidò come capo di Stato.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (426)

Correlati:

Venezuela, Maduro manda messaggi a leader opposizione Guaidò, Trump e UE
L’oro del Venezuela: non è l’unico caso di sparizione misteriosa di beni
Presidente della Bolivia esorta i Paesi dell'America Latina al dialogo col Venezuela
Bolsonaro sicuro, la sinistra non dominerà l'America Latina
Francia stabilisce condizioni per riconoscere Guaidò presidente del Venezuela
Il Cremlino non riconosce Guaidò come capo del Venezuela
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, Occidente, Unione Europea, Juan Guaidó, Nicolas Maduro, Svezia, America Latina, Venezuela, Gran Bretagna, Spagna, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik