07:32 23 Febbraio 2019
Elezioni Europee

Telegraph: alle elezioni europee populisti avranno chance di distruggere UE dall’interno

© AP Photo / Christian Lutz
Politica
URL abbreviato
1101

Molti partiti populisti in Europa hanno rinunciato ai referendum sul ritiro dall'UE nei loro paesi. Invece, si aspettano di vincere le elezioni di maggio al Parlamento europeo, che darà loro l'opportunità di privare Bruxelles del controllo sul blocco, e quindi di riformarlo radicalmente o abolirlo, scrive The Daily Telegraph.

I partiti populisti vedono le elezioni di maggio al Parlamento europeo come un'opportunità per "togliere il controllo sull'Unione europea a Bruxelles ". Di conseguenza, molti di loro hanno deciso di posticipare i piani per condurre la propria versione di Brexit, al fine di "riformare o distruggere il blocco europeo dall'interno", scrive The Daily Telegraph.

Questa settimana il partito Democratici Svedesi ha rinunciato a cercare un ritiro dall'UE. Invece, i suoi rappresentanti dicono che "aspetteranno e vedranno" quale effetto avrà la Brexit sull'unione.

"Per combattere il moderno sistema sovranazionale, devi essere pragmatico. Mentre ci aspettiamo che il risultato della Brexit, in primo luogo, al fine di riportare alla Svezia un influenza, è necessario agire all'interno della forte roccaforte europea a Bruxelles ", ha scritto il leader del partito Yimmi Okesson in un recente articolo.

Il rappresentante dei Democratici Svedesi al Parlamento europeo, Peter Lundgren, ha cercato di spiegare il cambiamento delle priorità dei partiti in seguito al verificarsi di circostanze favorevoli a Bruxelles. "Per la prima volta, c'è una reale opportunità di riformare l'UE dall'interno. Questo è ciò che faremo nell'imminente periodo di mandato e attorno a questo la nostra campagna sarà costruita nelle prossime elezioni", ha affermato.

La pubblicazione ricorda che anche il partito nazionalista tedesco Alternativa per la Germania (ADG) ha anche abbandonato i piani per il ritiro del paese dal blocco europeo nel suo manifesto sulle elezioni di maggio. "Non è necessario abolire l'UE, ma riportarla a una base razionale", ha detto il leader del partito Alexander Goland.

Nel 2017 Sampo Terho, membro del partito Veri Finlandesi, ha chiesto un referendum sulla secessione dal blocco europeo. Ma, essendo diventato il ministro per l'interazione con l'Unione europea, ha iniziato a sostenere che il suo paese dovrebbe "lottare per una migliore Unione europea, e non lasciarla".

La Lega del Nord, guidata dal ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini, critica costantemente la politica migratoria dell'UE, e i suoi alleati del Movimento Cinque Stelle si oppongono alle rigide regole fiscali dell'organizzazione europea. Entrambe le parti sperano che il successo delle elezioni di maggio darà a Roma una carta vincente nella sua lotta con Bruxelles.

Marine Le Pen, leader del Fronte nazionale francese, ha respinto il Frexit dopo aver perso il secondo turno delle elezioni presidenziali. Ma ora il suo partito, che è stato ribattezzato Associazione nazionale, è a favore di una riforma radicale dell'UE, per trasformarla in un "vero progetto europeo".

I partiti pro europei e gli euroscettici descrivono le prossime elezioni al Parlamento europeo come una "battaglia per l'anima dell'Unione europea". Il leader della Francia Emmanuel Macron e il ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini discutono regolarmente sul futuro del blocco, osserva il Daily Telegraph.

Correlati:

L'avvertimento di Juncker: ombre europee sulle elezioni
Come Soros manipola le elezioni europee (e italiane)
Gli eurorealisti si alleano in vista delle elezioni al Parlamento europeo
Tags:
elezioni, elezioni, Elezioni, UE, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik