14:33 12 Dicembre 2019
German defense minister Ursula von der Leyen

Sophia, Germania: via navi finché Italia ci tiene senza fare nulla

© flickr.com / Führungsakademie der Bundeswehr
Politica
URL abbreviato
5210
Seguici su

La Germania resta nella missione europea Sophia ma finché non ci sarà un “chiarimento politico” sull’operazione navale non ci saranno navi tedesche nel Mediterraneo. Lo ha confermato il ministro della Difesa di Berlino, Ursula von der Leyen, in un’intervista a Repubblica.

Migranti su una delle tante carrette del mare in navigazione nel mare tra la Libia e l'Italia.
© AFP 2019 / MAHMUD TURKIA
E tuttavia "negli ultimi mesi siamo stati comandati negli angoli più remoti del Mediterraneo dove non ci sono né scafisti né navi da salvare", ha precisato Von der Leyen, aggiungendo che "l'Italia", che "ha il comando" della missione "ha deciso così".

"Lì non ci sono flussi di migranti né c'è traffico di esseri umani", ha insistito il ministro tedesco. "In sostanza siamo costretti a rimanere in una posizione di attesa. E ormai da moltissimi mesi. L'ultima volta che siamo riusciti a prendere dei profughi in mare risale ad aprile. Perciò chiediamo che questa partita venga chiarita a Bruxelles. Per noi è molto importante che i ministri dell'Interno chiariscano questo punto. Se si scioglie questo nodo, in dieci giorni la nostra nave può tornare lì".

Nel frattempo Berlino ha bisogno "di un compito che abbia senso". "I nostri soldati sono rimasti in attesa per mesi, in alto mare. Adesso andranno a esercitarsi nel Mare del Nord in attesa di una risposta politica da Bruxelles. Continuiamo a sostenere Sophia, ripeto, ma bisogna chiarire qual è la nostra missione lì. Non possiamo continuare a rimanere lì senza nulla da fare", ha concluso Von der Leyen.

Fonte: Askanews

Correlati:

Germania sospende la missione Sophia. Salvini: o cambiano le regole o l'operazione finisce
Sophia, Moavero: Italia non chiede chiusura ma cambio regole
Difesa: Consiglio UE proroga mandato Eunavfor Med operazione Sophia
Tags:
Operazione Sophia, Ursula von der Leyen, Bruxelles, Italia, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik