16:39 19 Aprile 2019
Bandiera di Palestina

Palestina richiede di diventare membro permanente delle Nazioni Unite

CC BY 2.0 / Joi
Politica
URL abbreviato
0 70

La Palestina richiederà l'adesione permanente all'ONU, nonostante le minacce degli Stati Uniti di usare il veto, ha detto il consigliere di Sputnik al capo dello stato palestinese Mahmoud Al-Habbash.

In precedenza, il capo del ministero degli Esteri palestinese ha annunciato che era prevista la presentazione di una richiesta di adesione permanente all'ONU. La richiesta verrà inviata al Consiglio di sicurezza dell'organizzazione internazionale.

"Non ci è stato permesso di farlo nel 2011, quando gli Stati Uniti hanno usato la loro influenza, minacciando di usare il veto. Mi aspetto che incontreremo di nuovo queste difficoltà, ma continueremo a bussare alla porta delle Nazioni Unite", ha detto al-Habbash.

Secondo al-Habbash, che è il consigliere di Mahmoud Abbas sulle questioni religiose, così come il giudice supremo della Palestina, l'attuale amministrazione statunitense è "la peggiore per i palestinesi dal 1942".

"L'attuale amministrazione americana è la peggiore (per la Palestina) dalla conferenza di Baltimora nel 1942. Supporta l'occupazione più zelante, danneggia la causa palestinese, non comprende i cambiamenti nel mondo e si comporta come se il mondo fosse di sua proprietà" ha detto il consigliere palestinese.

Lo stato di Palestina a partire dal 2018 è riconosciuto da 137 su 193 stati membri delle Nazioni Unite. Quest'anno presiederà il G-77 (G-77), la più grande organizzazione interstatale dei paesi in via di sviluppo che opera all'interno dell'ONU e dei suoi organismi.

Correlati:

Esercito israeliano blocca Ramallah, la capitale de-facto della Palestina
Il Papa e il leader della Palestina hanno discusso dello status di Gerusalemme
Abbas accusa amministrazione Trump di ostacolare pacificazione tra Israele e Palestina
Tags:
Politica, politica interna, politica estera, politica, Nazioni Unite, Ministero degli Esteri, Palestina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik