14:23 20 Maggio 2019
Un soldato russo sta di fronte alla bandiera nazionale siriana

Siria non tollererà i militanti a Idlib né la base USA ad At Tanf

© REUTERS / Omar Sanadiki
Politica
URL abbreviato
7291

La Siria non permetterà né ai militanti della provincia di Idlib né alla base americana di At Tanf, utilizzata da Washington per addestrare i combattenti contro Daesh di rimanere sul territorio del paese, lo ha dichiarato l'assistente segretario regionale del partito socialista arabo Baath, Hilal Hilal.

"Non è assolutamente colpa nostra se [i militanti] sono qui, perché dovremmo tollerare la loro presenza sul nostro suolo ora? Possono lasciare il nostro territorio e andare in qualsiasi altro paese… Questi gruppi hanno due opzioni: o lasciare il suolo o affrontare la potenza dell'esercito arabo siriano", ha detto Hilal.

Ha anche sottolineato che Damasco continuerà a chiedere il ritiro delle truppe statunitensi dalla base di At Tanf, che, secondo i media, potrebbe mantenere un certo numero di soldati, nonostante l'intenzione annunciata da Washington di ritirare le sue forze dalla Repubblica Araba.

"La Siria ha il diritto di difendere qualsiasi parte del paese dall'occupazione straniera, come ha sempre affermato il presidente siriano Bashar Assad. Crediamo che qualsiasi base straniera creata sul suolo siriano senza il consenso del presidente e del governo siriano rappresenti un'occupazione e una forza aggressiva. Ovviamente combatteremo l'esistenza di tali basi sul nostro territorio, non parlo solo delle basi militari, ma anche delle persone coinvolte in queste attività, le formazioni armate e persino gli stati", ha detto Hilal.

Correlati:

Macron: la Francia manterrà presenza militare in Siria e Iraq nel 2019
Sanzioni Siria, Ue pronta ad estendere a 11 persone fisiche e 5 società
Assad annuncia che la guerra terroristica non è più limitata alla Siria
La Russia monitorerà la ritirata USA dalla Siria
Tags:
guerra, Guerra, guerra civile, Guerra, Bashar al-Assad, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik